La quarta utilità: Aria compressa

27 August 2017 da Jürgen Ritzek
La quarta utilità: Aria compressa

In Europa ci sono più di 300.000 sistemi di aria compressa installati. Più di 60.000 nella sola Germania consumano più elettricità di quella prodotta da una centrale nucleare. L'aria compressa è essenziale per il processo di produzione e qualsiasi guasto equivale a una perdita di produzione. La classifica dei criteri di solito è la seguente: Affidabilità: L'aria compressa viene direttamente a contatto con i prodotti finiti, per esempio nella lavorazione degli alimenti, nei prodotti farmaceutici o nell'elettronica. Può anche essere legato all'assenza di una contabilità dei costi dell'aria compressa che rende difficile spingere qualsiasi proposta di investimento attraverso i comitati di investimento interni. Abbiamo intenzione di

fare di questo post l'inizio di una nuova serie sulle "proposte di vendita più promettenti per superare l'inerzia del processo decisionale" (sì, titolo molto lungo - ci lavoriamo su)

Inizieremo con alcune aziende con cui abbiamo parlato alla Hannover Messe 2017. Puntiamo a trovare esempi di buone pratiche che aiutino finalmente a implementare soluzioni di aria compressa più efficienti dal punto di vista energetico.


Contenuti correlati   #ottimizzazione  #filtri dell'aria  #soluzioni per l'aria 


Aria compressa: la quarta utilità

Senza sapere chi ha inventato questa frase, ad esempio David Andrews di Sullair l'ha usata in un recente blog ed è persino menzionata in wikipedia, indica chiaramente la rilevanza che ha in termini di consumo energetico. In Europa ci sono più di 300.000 sistemi di aria compressa installati. Più di 60.000 solo in Germania, che consumano più elettricità di quella prodotta da una centrale nucleare.

E secondo il Natural Resouces Canada, su 100 unità di energia meno di 10 unità sono trasformate in aria compressa utile.

Essendo una tecnologia che consuma molta energia o in altre parole che causa costi elevati, investire tempo nell'ottimizzazione dei sistemi d'aria compressa o anche aggiornare/sostituire quelli vecchi, sembra essere un'attività significativa. Questo porta a uno scenario a tripla vittoria, uno scenario in cui vincono i fornitori (più vendite di sistemi ad aria compressa efficienti dal punto di vista energetico), in cui vincono gli utenti (minor consumo di energia = minori costi operativi), in cui vince l'ambiente (meno energia consumata)?

Lo scenario a doppia vittoria

Ci sono chiaramente una serie di azioni convenzionali possibili per risparmiare energia e costi. Questo andrebbe principalmente a beneficio degli utenti e dell'ambiente, dato che queste attività sarebbero per lo più fatte in casa. NRC le classifica in tre aree:

1. Housekeeping Questo riguarda principalmente le basi pure, che vanno da "conoscere i carichi e controllarli regolarmente" a "controllare il sistema (giunti, valvole, raccordi, collegamenti dei tubi, filtri dell'aria) e usare solo la pressione più bassa possibile per ogni lavoro

2. Opportunità a basso costo Questo potrebbe essere considerato come la gestione del sistema dell'aria compressa. Copre attività come l'uso dei contatori, il calcolo dei costi per utente o l'installazione di controllori di sequenza. Ma va anche oltre per indagare e implementare miglioramenti del sistema, per esempio "scaricare i compressori raffreddati ad aria all'esterno in estate e all'interno in inverno" fino a "indagare il recupero del calore ...".

3. Retrofit NRC descrive qui attività come l'integrazione di circuiti indipendenti di generazione e distribuzione dell'aria compressa, sistemi di controllo intelligenti fino alla sostituzione dei compressori.

Anche se questi approcci sembrano abbastanza convincenti, considerando ciò che è più importante per gli utenti quando pensano all'aria compressa - potrebbe non essere l'efficienza energetica.

La classifica dei criteri di solito è la seguente

  1. Affidabilità: L'aria compressa è essenziale per il processo di produzione e qualsiasi guasto equivale a una perdita di produzione
  2. Qualità: In alcuni processi, l'aria compressa viene direttamente a contatto con i prodotti finiti, per esempio nella lavorazione degli alimenti, nei prodotti farmaceutici o nell'elettronica). Pertanto, una scarsa qualità dell'aria porta a una riduzione della qualità del prodotto
  3. Costi: I costi energetici rappresentano il 50% del TCO di un compressore - ma per varie ragioni, i costi sembrano essere il criterio meno importante. A volte viene menzionata una "mancanza di consapevolezza dei possibili risparmi". Beh, questo potrebbe non essere vero per l'ingegnere ma per il livello di gestione. Può anche essere legato all'assenza di una contabilità dei costi dell'aria compressa che rende difficile spingere qualsiasi proposta di investimento attraverso i comitati di investimento interni.

Il triplo scenario vincente

In uno scenario triple-win, un fornitore deve convincere un utente (in altre parole "vendere") le sue soluzioni di aria compressa. Dato che devono anche affrontare questa classifica di criteri, affidabilità - qualità - costi, potrebbe valere la pena dare un'occhiata a come si presentano le proposte di vendita dei fornitori di aria compressa.

Poiché abbiamo intenzione di fare di questo post l'inizio di una nuova serie sulle "proposte di vendita più promettenti per superare l'inerzia del processo decisionale" (sì, titolo molto lungo - ci lavoriamo), inizieremo con alcune aziende con cui abbiamo parlato alla Hannover Messe 2017. Il nostro obiettivo è trovare esempi di buone pratiche che aiutino finalmente a implementare soluzioni di aria compressa più efficienti dal punto di vista energetico.

Una delle aziende con cui ho parlato è stata Almig. È interessante notare che Almig mostra una forte attenzione al lato "risparmio dei costi energetici" raccogliendo le due opportunità probabilmente più rilevanti per risparmiare energia:

  • Ottimizzazione del sistema: Il loro cosiddetto sistema EBS (Energy Balancing System) è un servizio in 3 fasi che include misurazione, analisi e simulazione
  • Recupero del calore: Poiché la maggior parte dell'energia per produrre aria compressa sta effettivamente producendo calore, offrono soluzioni per riutilizzare il calore per l'acqua calda e il riscaldamento degli spazi

Quando si parla di calore, un altro interessante fornitore di soluzioni che abbiamo incontrato è l'azienda AltAIRnative(vedi post recente) che ha ribaltato il "tema del calore" verso l'alto - poiché loro producono calore e l'aria compressa è il sottoprodotto!

Quando si parla di proposte di vendita, la parola più spesso sentita è sicuramente IoT o industria4.0. Almig sembra evitare questa frase (perché questo suona ancora spaventoso per molti ingegneri/acquirenti?). Parlano di "Telemonitoraggio" che effettivamente elenca i vantaggi di (di nuovo in parole d'ordine) "IoT use case predictive maintenance". Probabilmente vale la pena di discutere fino a che punto sia significativo oggi sfruttare le opportunità dell'industria4.0/telemonitoraggio. Si tratta chiaramente del criterio numero uno, l'affidabilità, ma potrebbe anche essere usato, per esempio, per superare le barriere contabili. Per esempio, collegando i prezzi dell'elettricità all'aria compressa prodotta in tempo reale o offrendo nuovi servizi come il "pay by produced compressed air" senza immobilizzazioni per il cliente che porta a un migliore ROCE, un indicatore finanziario spesso usato nelle aziende quotate in borsa. E probabilmente ci sono molte altre opportunità.

Se siete a conoscenza di altre interessanti proposte di vendita, contattatemi sotto juergen.ritzek[at]ee-ip.org

 

Articoli correlati

 

Altre fonti