Le banche centrali devono prepararsi al cambiamento climatico

17 April 2020
Le banche centrali devono prepararsi al cambiamento climatico

Ci sono prove crescenti che il cambiamento climatico e il degrado ambientale rappresentano una minaccia esistenziale. Il cambiamento climatico spinge i responsabili politici a fare un esame di coscienza, dice Andrew Hammond. Egli chiede: Il sacro principio della "neutralità del mercato è ancora rilevante alla luce dell'emergenza climatica? Hammond: Se le banche centrali sperano di adattarsi a questa minaccia incombente, devono creare un quadro che consideri un ambiente drammaticamente cambiato (tassi bassi più a lungo con vulnerabilità crescenti...), demografia mutevole, stagnazione economica e l'erosione delle regole politiche multilaterali. Dice che le banche centrali dovrebbero iniziare a pensare in modo più proattivo alle politiche che possono aiutare a creare un

futuro sostenibile. Hammond: Ci sono, probabilmente, tre possibili prospettive sulla neutralità della politica monetaria: una che mantiene le cose invariate; una che usa un tasso di politica neutrale (NPR), una che ridefinisce la 'neutralità;. Una possibilità sarebbe un "prodotto lordo del benessere" e una che "scarta la neutralità del mercato".


Contenuti correlati   #panico da mercato  #gestione del rischio  #preoccupazioni ambientali 


Nel 2006, il famigerato Rapporto Stern affermava che il cambiamento climatico pone la più grande sfida alla disciplina dell'economia. I mercati, sosteneva, non possono rendere conto adeguatamente del cambiamento climatico e dei suoi effetti.

14 anni dopo, le opinioni contenute nel rapporto Stern, che riecheggiano i precedenti avvertimenti del Club di Roma, sono state rivendicate. Ci sono sempre più prove che il cambiamento climatico e il degrado ambientale rappresentano una minaccia esistenziale. I timori che l'umanità possa presto attraversare pericolosi punti di svolta sottolineano solo la necessità per i politici di prendere misure più drastiche.

Il cambiamento climatico, come il campo della finanza, spinge i responsabili politici in uno stato di auto-esame. Il fatto che le principali banche centrali stiano prestando attenzione al cambiamento climatico non è sorprendente. Sono consapevoli dell'immensa sfida che rappresenta.

Se le banche centrali sperano di adattarsi a questa minaccia incombente, devono creare un quadro che consideri un ambiente drammaticamente cambiato ("tassi bassi più a lungo con vulnerabilità crescenti..."), i cambiamenti demografici, la stagnazione economica e l'erosione delle regole politiche multilaterali.

Le banche centrali riconoscono già che le istituzioni finanziarie sono esposte a settori che saranno gravemente colpiti dal cambiamento climatico. Una risposta adeguata includerà misure per promuovere la de-carbonizzazione dell'economia. Inoltre, mentre la "finanza verde" può essere vista come una parola d'ordine, le banche centrali possono - e dovrebbero - fare molto in questo senso. Per esempio, dovrebbero iniziare ad accettare obbligazioni verdi come garanzia o acquistarle direttamente.

 

"Le banche centrali devono andare oltre il tipico focus sulla gestione del rischio"

 

Ma rimane una grande domanda: il sacro principio della "neutralità del mercato" è ancora rilevante alla luce dell'emergenza climatica? La posizione delle banche centrali si è a lungo attenuta alla filosofia tradizionale secondo cui non dovrebbero interferire nella funzione di allocazione delle risorse dei mercati. In altre parole, la politica monetaria deve essere "neutrale" rispetto ai mercati finanziari. I banchieri centrali non possono quindi dare espressamente la priorità ad attività favorevoli all'ambiente.

Ma ci sono ragioni per discutere i meriti della "neutralità del mercato" in vista della miopia intrinseca dei mercati finanziari. Quando si tratta di cambiamento climatico, i mercati non tengono conto dei massicci effetti di distribuzione intergenerazionale così come delle enormi esternalità negative.

Inoltre, le banche centrali devono andare oltre il tipico focus sulla gestione del rischio. Non è sufficiente guardare semplicemente ai settori che sono pesantemente colpiti dai costi del cambiamento climatico. Piuttosto, le banche dovrebbero iniziare a pensare in modo più proattivo alle politiche che possono aiutare a creare un futuro più sostenibile.

Ci sono, probabilmente, tre possibili prospettive sulla neutralità della politica monetaria: una che mantiene le cose invariate; una che usa un tasso di politica neutrale (NPR), ma ridefinisce la "neutralità"; e una che scarta la neutralità.

Mantenere un "tasso di politica neutrale" implica la non interferenza con l'allocazione delle risorse di mercato. Il NPR si basa sulla crescita del prodotto potenziale e prende l'obiettivo dell'inflazione come parametro chiave; alcune banche centrali (la Federal Reserve per esempio) considerano anche la disoccupazione come obiettivo politico.

 

"Scartare del tutto la neutralità del mercato si basa su un presupposto fondamentale: che i mercati sono troppo miopi per considerare le preoccupazioni ecologiche"

 

La seconda possibilità - quella di ridefinire la "neutralità" - aggiunge un'altra dimensione al prodotto potenziale o alla crescita: la "sostenibilità" - la misura in cui l'attività economica danneggia l'ambiente. Il tasso di politica fissato dalla banca centrale prenderebbe quindi in considerazione un livello di attività economica che tenga conto delle preoccupazioni sociali ed ecologiche.

Questo solleva una nuova questione critica: chi definirebbe quel livello di attività economica? Questa è una domanda fondamentale, perché una tale determinazione potrebbe paralizzare una delle caratteristiche che definiscono le banche centrali - la loro indipendenza. Oppure, le banche centrali continuerebbero a ignorare le preoccupazioni ambientali nel loro processo decisionale e sarebbe invece compito dei governi favorire i settori a minore intensità di carbonio come parte di una politica industriale/ambientale globale. In questo caso, le banche centrali manterrebbero una posizione di neutralità politica abbastanza simile all'opzione uno.

Nel frattempo, scartare del tutto la neutralità del mercato si basa su un presupposto fondamentale: che i mercati sono troppo miopi per considerare le preoccupazioni ecologiche. A questo proposito, si deve fare una distinzione tra l'accettazione di "obbligazioni verdi" come garanzia e la ridefinizione del tasso politico come "tasso politico verde". Scartare la neutralità del mercato introduce un chiaro bias nella formulazione del tasso di politica. Come ha detto l'attuale governatore della Banca d'Inghilterra Mark Carney: ci potrebbe essere un momento tipo "clima Minsky", riguardante il pericolo di indurre il panico nel mercato.

Un problema chiave persiste: chi stabilirebbe il tasso di politica? Inoltre: è possibile sviluppare modelli che tengano conto delle preoccupazioni ambientali? Molto probabilmente sì.

 

"C'è una rete di banche centrali che esaminano seriamente il cambiamento climatico"

 

Anche l'economia ha bisogno di rivedere se stessa, cambiando la metrica del PIL per tener conto di una concezione più ampia del benessere della società. Una possibilità sarebbe un "prodotto lordo del benessere". Una recente dichiarazione della Business Roundtable negli Stati Uniti, una raccolta di 180 CEO delle più potenti aziende americane, suggerisce che le aziende dovrebbero andare oltre il modello dell'azionista e investire nei loro dipendenti e proteggere l'ambiente. Sembra che qualcosa di fondamentale sia cambiato nella loro mentalità collettiva alla luce delle calamità degli ultimi anni.

Le banche centrali hanno un ruolo importante da svolgere, e non solo perché sono state considerate, giustamente o no, come "l'unico gioco in città". C'è una rete di banche centrali che esaminano seriamente il cambiamento climatico e mirano ad adattare le loro politiche in questo senso. Questa rete comprende la Banca d'Inghilterra, la Banca del Canada, la Banca di Francia, la Bundesbank, ecc. La BCE si è unita a questa iniziativa e altre banche centrali probabilmente la seguiranno. È stato rinfrescante vedere Christine Lagarde, durante le sue audizioni di conferma al Parlamento europeo, esprimere simpatia per l'idea che la "neutralità del mercato" deve essere riesaminata alla luce del problema del clima. Allo stesso modo, il fatto che l'European Systemic Risk Board (ESRB) abbia incluso il cambiamento climatico nella sua ultima valutazione di dicembre dei rischi sistemici indica che sono in corso cambiamenti nel modo in cui il sistema finanziario e le banche centrali affrontano i rischi climatici.

Forse l'unica certezza in questo ambiente altamente incerto è che questo è un argomento che rimarrà in primo piano per gli anni a venire.

 

Autore: Daniel Daianu

Credito immagine: Micheile Henderson

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato su Friends of Europe.