L'industria al bivio - riflessioni dall'evento industriale EEFIG

22 October 2017 da Rod Janssen
L'industria al bivio - riflessioni dall'evento industriale EEFIG

La Direzione generale dell'energia della Commissione europea e l'Iniziativa finanziaria del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (EEFIG) hanno tenuto un evento a Bruxelles questa settimana. L'evento è stato ospitato dall'Energy Efficiency Financial Institutions Group. EEFIG ha fornito un dialogo aperto e una piattaforma di lavoro per le istituzioni finanziarie pubbliche e private, i rappresentanti dell'industria e gli esperti del settore per identificare le barriere al finanziamento a lungo termine per l'efficienza energetica e proporre soluzioni politiche e di mercato ad esse. Per gli oltre 70 partecipanti, l'evento di mezza giornata ha avuto due temi: Tendenze recenti nel finanziamento dell'efficienza energetica industriale, le sfide incontrate e le soluzioni ad esse e l'avanzamento - Come migliorare ulteriormente

Come migliorare ulteriormente l'efficienza energetica industriale e renderla più accessibile alle PMI. Il secondo tema riguarda l'andare avanti. Non c'era accordo se le aziende dovrebbero condividere l'esperienza sulle reti di efficienza energetica ben noto in paesi come la Germania sono stati indicati come un approccio importante per migliorare la trasparenza. E c'è stata anche una buona discussione su come affrontare il rischio percepito rispetto ai rischi reali.


Contenuti correlati   #investimenti strategici  #progetti comunitari  #misure industriali 


L'industria a un bivio

Un settore manifatturiero UE vibrante e altamente competitivo può fornire le risorse e molte delle soluzioni per le sfide sociali che l'UE deve affrontare, come il cambiamento climatico, la salute e l'invecchiamento della popolazione, e lo sviluppo di una società sana e sicura e di una fiorente economia sociale di mercato.

Lanecessaria transizione verso un'economia più sostenibile, inclusiva ed efficiente in termini di risorse dovrà essere sostenuta da politiche orizzontali e settoriali a tutti i livelli e richiederà una governance europea e un dialogo sociale rafforzati .

Dalla comunicazione "Una politica industriale integrata per l'era della globalizzazione: Mettere al centro la competitività e la sostenibilità [COM(2010) 614].

L'Europa ha sperimentato come sbloccare il potenziale dell'industria in modo che tutta la società europea ne benefici. Un modo provato e vero è quello di migliorare il rendimento energetico dell'industria. Ma l'efficienza energetica non è difficile, ma è complicata! E ci vogliono investimenti in tutti, tranne che nei cosiddetti frutti a basso impatto.

Evento industriale EEFIG

Questa settimana si è svolto a Bruxelles un evento importante: l'industria ha alzato la voce per esprimere l'importanza di tutti gli sforzi per promuovere il miglioramento del loro rendimento energetico. La chiave sta nel migliorare il flusso di investimenti.

L'evento era nell'ambito dell'Energy Efficiency Financial Institutions Group (EEFIG), che è stato istituito nel 2013 dalla Direzione generale dell'energia della Commissione europea e dall'iniziativa finanziaria del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente. L'EEFIG ha fornito un dialogo aperto e una piattaforma di lavoro per le istituzioni finanziarie pubbliche e private, i rappresentanti dell'industria e gli esperti del settore per identificare le barriere al finanziamento a lungo termine per l'efficienza energetica e proporre soluzioni politiche e di mercato ad esse. L'EEFIG ha coperto sia il settore degli edifici che quello industriale. L'incontro di questa settimana si è concentrato sull'industria. L'incontro è stato facilitato dal relatore dell'EEFIG, Peter Sweatman di Climate Strategy.

 

 

Per gli oltre 70 partecipanti, l'evento di mezza giornata ha avuto due temi:

  1. "Tendenze recenti nel finanziamento dell'efficienza energetica industriale, le sfide incontrate e le relative soluzioni" e
  2. "Andare avanti - Come migliorare ulteriormente l'efficienza energetica industriale e renderla più accessibile alle PMI".

Entrambi questi temi sono fondamentali per promuovere il quadro politico per l'efficienza energetica industriale

Disassicurare gli investimenti

Il primo tema ha esaminato gli sforzi per de-rischiare gli investimenti e ci sono molti buoni esempi. Ha anche considerato come convincere l'industria a considerare gli investimenti nell'efficienza industriale come investimenti strategici come fanno per molti degli altri investimenti che aumentano la produzione.

I prossimi passi

Il secondo tema riguarda l'andare avanti. La direttiva europea sull'efficienza energetica del 2012 ha fornito molte misure per incoraggiare l'efficienza energetica industriale: audit obbligatori per la grande industria, promozione di sistemi di gestione dell'energia e sostegno alle PMI. Ora, si tratta di capire come assicurare che le misure efficaci dal punto di vista dei costi siano identificate e attuate. Inoltre è importante sapere cosa si può fare per incoraggiare gli investimenti privati nelle misure industriali. Inoltre, è

importante avere una certa comprensione di quale sia stato l'impatto degli audit obbligatori (esempio: il post di Silvia Zinetti "Audit energetici nelle PMI..."). La discussione è stata robusta e ha evidenziato che è importante per le discussioni mirate su aspetti di efficienza energetica industriale. Questo è meno comune a Bruxelles di quanto dovrebbe essere. C'è stata una grande discussione sulla necessità di trasparenza: tra le aziende per condividere l'esperienza nel miglioramento dell'efficienza così come all'interno delle aziende tra il management e i team tecnici. In particolare, le reti di efficienza energetica ben conosciute in paesi come la Germania sono state mostrate come un approccio importante per migliorare la trasparenza(maggiori informazioni sulle reti di efficienza energetica qui).

C'è stata anche una buona discussione su come affrontare il rischio "percepito" rispetto ai rischi "reali". Curiosamente, non c'è stato accordo sul fatto che le aziende debbano condividere le esperienze sull'uso dell'energia nei loro processi. È una questione competitiva? Senza dubbio sarà esplorato di più.

C'è stata una discussione sui driver che portano a miglioramenti dell'efficienza energetica. Comprensibilmente questo porta al ruolo del governo a tutti i livelli. Di nuovo, questa discussione continuerà sicuramente.

È importante che tutti abbiano imparato qualcosa. Ci sono stati molti esempi di strumenti finanziari o esperienze a livello di fabbrica che hanno sorpreso la maggior parte di noi, poiché si trattava di nuove rivelazioni.

Presto ci saranno le conclusioni del presidente che saranno ampiamente distribuite a tutte le istituzioni dell'UE, alla più ampia comunità industriale e a tutte le altre parti interessate. Questo è importante per questi interlocutori per sentire cosa dicono le comunità industriali e finanziarie.

Questo incontro è stato importante per l'efficienza energetica nei processi industriali perché convalida la sua richiesta di un dialogo regolare sull'efficienza energetica industriale. Pur essendo una piattaforma neutrale e aperta, commerciale e politica, è essenziale che la voce dell'industria sia ascoltata. La transizione energetica a basse emissioni di carbonio è in corso ed è importante per l'industria. C'è molto da discutere.

C'è molto da fare. L'EEIP è orgogliosa di essere un membro dell'EEFIG e di continuare a cercare soluzioni che sbloccheranno i finanziamenti per garantire che venga raggiunto un maggior numero di potenziali miglioramenti efficaci dal punto di vista dei costi. Per raggiungere questi obiettivi, EEIP è anche membro di un consorzio che implementa il progetto finanziato dall'UE " Investor Confidence Project for Industry, District Energy and Street lighting"(maggiori informazioni sui benefici per gli sviluppatori di progetti qui). Questo progetto sblocca l'accesso ai finanziamenti standardizzando il modo in cui i progetti di efficienza energetica sono sviluppati, documentati e misurati.

EEIP continuerà a garantire che la voce dell'industria sia ascoltata(maggiori informazioni sulla rete EEIP 130.000). C'è molto da fare per assicurare una maggiore sostenibilità e perché l'industria svolga il suo giusto ruolo nella transizione energetica dell'Europa. La necessità di un maggiore dialogo è più importante che mai.

Cooperazione e sostegno: H2020 Energia efficiente

EEIP è felice di sostenere i progetti e le iniziative dell'UE in corso. Siamo anche aperti ad aderire o sostenere i consorzi che preparano una domanda per i progetti nell'ambito di H2020 Efficient Energy. Basta contattare Dusan Jakovljevic

O incontrarlo durante gli Info Days di H2020 Efficient Energy (23-25 ottobre)