L'opinione pubblica sull'idrogeno è importante?

04 June 2022 da John Armstrong
L'opinione pubblica sull'idrogeno è importante?

Un recente sondaggio condotto nel Regno Unito ha valutato la percezione del pubblico come ampiamente ambivalente nei confronti dell'idrogeno. Oltre il 64% dei partecipanti non è stato in grado di dimostrare nemmeno una conoscenza di base della tecnologia dell'idrogeno o del suo potenziale contributo al sistema energetico. Affinché l'idrogeno funzioni nel nostro percorso di decarbonizzazione, milioni di persone dovranno abbracciare la nuova tecnologia. C'è il rischio evidente che la verità sull'attuale produzione mondiale di idrogeno - che è responsabile del 2,5% delle emissioni annue globali di anidride carbonica - comprometta la fiducia del pubblico. Tuttavia, sarà incredibilmente difficile convincere le persone a cambiare se è più costoso.

La prima arma nucleare si chiamava "H" o bomba all'idrogeno, o che nel 1936 l'aereo Hindenburg, con i suoi 140.000 metri cubi di idrogeno, prese fuoco.


Contenuti correlati   #idrogeni  #idrogeno  #greenwashing 


Un recente sondaggio condotto nel Regno Unito ha valutato la percezione dell'idrogeno da parte dell'opinione pubblica come largamente ambivalente, con oltre il 64% dei partecipanti incapaci di dimostrare anche solo una conoscenza di base della tecnologia dell'idrogeno o del suo potenziale di contributo al sistema energetico(1). Un sondaggio preoccupante ha rilevato che il 34% degli intervistati ha dichiarato che l'idrogeno è generalmente pericoloso (2).

 

La percezione pubblica è importante. Una volta che l'opinione pubblica si è schierata contro qualcosa, può essere molto difficile tornare indietro. L'opinione pubblica influenzerà i decisori politici e l'opinione è davvero importante per il successo di tecnologie all'inizio del loro sviluppo come l'idrogeno. Per un esempio simile, basti pensare alle montagne russe dell'energia nucleare e alle continue sfide per la sua crescita.

 

La sicurezza

 

Probabilmente non aiuta il fatto che la prima arma nucleare sia stata chiamata "H" o bomba all'idrogeno, o che nel 1936 i 140 metri cubi di idrogeno della nave aerea Hindenburg abbiano preso fuoco. Sebbene questi due incidenti siano molto lontani dal modo in cui intendiamo utilizzare l'idrogeno oggi, la rara esposizione del pubblico all'idrogeno è stata storicamente negativa. Se volete preoccuparvi per qualche ora, digitate "esplosione di idrogeno" su Google.

 

La percezione e la tolleranza del rischio sono un argomento incredibilmente importante quando si considerano cambiamenti tecnologici su larga scala. Affinché l'idrogeno funzioni nel nostro percorso di decarbonizzazione, milioni di persone dovranno abbracciare la nuova tecnologia. Un breve sguardo ad altre tecnologie energetiche, come il nucleare e l'eolico onshore, dimostra facilmente quanto sia importante il coinvolgimento positivo del pubblico per raggiungere il successo. Per l'idrogeno questo potrebbe essere ancora più importante, soprattutto per quanto riguarda il riscaldamento, dove le famiglie potrebbero dover sottoscrivere in gran numero un complesso processo di conversione.

Il carbonio

Attualmente l'opinione pubblica propende per la convenienza ambientale dell'idrogeno (3). La maggior parte degli articoli dei media parla positivamente delle credenziali verdi dell'idrogeno. Anzi, alcuni sono eccessivamente positivi. Un buon esempio è un articolo di Forbes del 2020 che annuncia l'idrogeno come il carburante "verde" del futuro (4). È chiaro che collegare le parole verde e idrogeno è utile per migliorare l'immagine carbon friendly dell'idrogeno, ma rischia di semplificare eccessivamente un argomento complesso e le accuse di "greenwashing" possono minare la tecnologia nella sua fase di transizione.

 

C'è il rischio evidente che la verità sull'attuale produzione mondiale di idrogeno - che è responsabile del 2,5% delle emissioni annue globali di anidride carbonica - comprometta la fiducia del pubblico. Inoltre, è molto più difficile dire alla gente che ora useremo l'idrogeno "sporco" mentre il sistema è in funzione e poi passeremo a quello verde.

Costo

 

I costi sono una delle principali preoccupazioni del pubblico. Un recente sondaggio nel Regno Unito, in cui gli intervistati sono stati interpellati sull'uso dell'idrogeno nelle loro case per il riscaldamento, ha mostrato notevoli obiezioni al fatto che l'idrogeno costi più di quanto paghino ora, con il 77% che non vuole o non può pagare di più (5).

 

Le infrastrutture esistenti per i combustibili fossili e l'elettricità hanno fatto sì che nella maggior parte dei Paesi il costo del carburante per i trasporti, dell'elettricità e del gas per il riscaldamento sia uniforme, indipendentemente dalla posizione geografica. Sebbene esistano differenze significative tra i vari Paesi, all'interno degli stessi Paesi i prezzi rimangono sostanzialmente costanti. Ciò rappresenta una sfida per qualsiasi nuova tecnologia che deve entrare in una specifica area geografica: il teleriscaldamento è un esempio di tecnologia con sfide simili.

 

Un confronto dei costi con l'elettricità e il gas naturale potrebbe non essere possibile con una diffusione sostenuta dell'idrogeno. Tuttavia, sarà incredibilmente difficile convincere le persone a cambiare se è più costoso.

 

Riferimenti:

 

1) www.ncl.ac.uk/media/wwwnclacuk/geographypoliticsandsociology/files/news/blended-hydrogen-the-uk-publics-perspective.pdf

2) www.weforum.org/agenda/2019/04/why-don-t-the-public-see-hydrogen-as-a-safe-energy-source/.

3) www.ncl.ac.uk/media/wwwnclacuk/geographypoliticsandsociology/files/news/blended-hydrogen-the-uk-publics-perspective.pdf

4) www.forbes.com/sites/mikescott/2020/12/14/green-hydrogen-the-fuel-of-the-future-set-for-50-fold-expansion/

5) www.ncl.ac.uk/media/wwwnclacuk/geographypoliticsandsociology/files/news/blended-hydrogen-the-uk-publics-perspective.pdf

6) heattrust.org