Quando gli audit energetici sono uno spreco di denaro?

22 August 2017 da Kerry Kilpatrick
Quando gli audit energetici sono uno spreco di denaro?

Un audit energetico è stato commissionato dal CFO diversi anni prima, nel tentativo di contenere l'aumento dei costi energetici. Scott Ringlein, CEO EAG del Michigan, ha esaminato il Project Financing Assessment come il modo più efficiente per iniziare il processo decisionale che porta a progetti di successo. Ha sottolineato che l'efficienza non riguarda solo l'energia, ma anche i processi. La visione di Ringleins per l'efficienza dei processi richiede che il primissimo passo completato su un progetto sia rispondere alla domanda sulle opzioni di finanziamento che soddisfano le linee guida finanziarie specifiche di una società. Per agire la domanda su come finanziare i progetti è spesso il passo più importante nel

Gli audit energetici sono uno spreco di denaro quando raccolgono solo informazioni che non portano ad azioni. Quando ci sono più opzioni per finanziare i progetti, agire è quasi una conclusione scontata. Nuovi metodi di finanziamento specifici per l'energia insieme a sconti, incentivi e sovvenzioni sono solo alcune delle opzioni di finanziamento che dovrebbero essere considerate per rendere possibili i miglioramenti dell'efficienza degli edifici.


Contenuti correlati   #aggiornamenti  #resoconto di ringleins  #aggiornamenti dell'efficienza 


"Niente è meno produttivo che rendere più efficiente ciò che non dovrebbe essere fatto affatto". Peter Drucker

CurtMonhart era seduto dall'altra parte della scrivania del direttore di un'organizzazione e discuteva di una grossa cartella aperta tra loro.

Energy Audits

Curt Monhart, vicepresidente della EAG

Monhart, vicepresidente dell'Energy Alliance Group del Michigan (EAG), stava ascoltando mentre il manager spiegava la situazione che aveva creato quel documento piuttosto ingombrante. Un audit energetico era stato commissionato dal CFO diversi anni prima, nel tentativo di tenere a freno l'aumento dei costi energetici. Il documento era il risultato di un'analisi approfondita sul posto delle operazioni ed era stato presentato alla conclusione della verifica.

Il rapporto descriveva in dettaglio la quantità di energia usata dall'azienda, le fonti di energia sprecata, il numero e lo stile degli impianti e delle attrezzature, le tecnologie disponibili per eliminare gli sprechi, e infine - raccomandazioni specifiche che avrebbero reso l'operazione ad alta intensità energetica meno dipendente dall'energia e meno suscettibile all'aumento dei costi.

Il documento, pur essendo molto accurato e compilato professionalmente, aveva tralasciato un'importante risposta a una domanda alla quale il CFO avrebbe dovuto rispondere se voleva andare avanti con le raccomandazioni del rapporto. Quella domanda era "come si possono finanziare i miglioramenti per soddisfare il capitale disponibile della nostra azienda e gli obiettivi di performance finanziaria?

Il finanziamento dei progetti di efficienza richiede soluzioni uniche

Poiché la questione del finanziamento del progetto non aveva avuto risposta, il rapporto, che rappresentava ore di lavoro e spese significative, era diventato un costoso fermacarte. E, sebbene presentasse informazioni utili sull'uso dell'energia dell'azienda, alla fine era, a tutti gli effetti, uno spreco di denaro.

Il problema dell'audit era che non si traduceva in un piano d'azione fattibile. Quando non viene intrapresa alcuna azione, gli audit energetici sono una spesa che non avrebbe dovuto essere sostenuta.

Rispondere prima alla domanda di finanziamento

Nei primi giorni della EAG tutti i progetti iniziavano con un audit completo. Mentre gli audit sono uno strumento molto utile per determinare una linea d'azione, non devono necessariamente essere il primo passo. In molti casi sono il primo passo sbagliato, come illustrato dall'audit del manager che ora sta prendendo polvere.

Energy Audits

Scott Ringlein, CEO EAG del Michigan

 

Durante una sessione di debriefing per un progetto recentemente completato, l'amministratore delegato di EAG, ScottRinglein, ha esaminato l'alternativa dell'azienda all'esecuzione di un audit energetico come primo passo. Ha discusso lavalutazione del finanziamento del progetto come il modo più efficiente per iniziare il processo decisionale che porta a progetti di successo.

La valutazione richiede la raccolta di un elenco proprietario di dati, insieme alle informazioni di supporto, che si traduce nella creazione di potenziali opzioni di finanziamento per le quali il progetto potrebbe essere idoneo. Crea anche una cifra approssimativa di quanto denaro un progetto potrebbe richiedere in base alla valutazione della proprietà e all'ammontare del patrimonio netto del proprietario, così come alla performance finanziaria dell'azienda. Con queste informazioni in mano, si determina una portata realistica per il progetto proposto e si definisce chiaramente una linea d'azione. Lavalutazione del finanziamento del progetto elimina i passi non necessari da entrambe le parti.

Durante lo stesso incontro Ringlein ha illustrato con un esempio cosa può succedere quando lavalutazione del finanziamento del progetto nonviene eseguita prima.

Ha descritto un caso in cui il cliente aveva completato tutti i passi necessari per avviare un progetto proposto, compresa una verifica dettagliata. Sono state spese molte ore di lavoro per raggiungere questo passo. Quando il manager della fonte di finanziamento ha esaminato la proposta, è stato fatto il seguente commento: "siete consapevoli che questa azienda ha dei pegni su di essa che sono superiori al valore della proprietà. Non possiamo toccarla!".

Ringlein ha notato che, per il bene dell'efficienza, i pegni avrebbero dovuto essere determinati prima di eseguire qualsiasi altro lavoro. Il progetto era un non-avvio fin dall'inizio a causa della dimensione del debito esistente. Ha sottolineato che l'efficienza non riguarda solo l'energia, ma anche i processi. Il debrief di Ringlein è stato eseguito con l'intenzione di rendere il processo che crea progetti di successo il più efficiente possibile.

La sua visione dell'efficienza dei processi richiede che il primissimo passo completato su un progetto sia rispondere alla domanda sulle opzioni di finanziamento che soddisfano le linee guida finanziarie specifiche di un'azienda. Quando ci sono più opzioni per finanziare i progetti, è molto più probabile che il processo decisionale vada avanti e che si agisca prontamente.

Gli audit energetici sono uno spreco di denaro quando raccolgono solo informazioni che non portano all'azione. Per agire, la questione di come finanziare i progetti è spesso il passo più importante nel processo di efficienza energetica. Una volta che si è risposto a questa domanda, e si sono determinate le fonti e la quantità di fondi disponibili, agire è quasi una conclusione scontata.

"I nuovi metodi di finanziamento specifici per l'energia insieme agli sconti, agli incentivi e alle sovvenzioni sono solo alcune delle opzioni di finanziamento che dovrebbero essere considerate per rendere possibili gli aggiornamenti dell'efficienza degli edifici" Scott Ringlein, CEO di EAG

 

Articoli correlati