Secondo un nuovo rapporto, l'elettrificazione di diversi settori europei potrebbe ridurre le emissioni del 60%.

17 February 2020
Secondo un nuovo rapporto, l'elettrificazione di diversi settori europei potrebbe ridurre le emissioni del 60%.

L'elettrificazione dei trasporti, degli edifici e dei settori industriali in Europa potrebbe ridurre le emissioni di gas serra del 60% tra il 2020 e il 2050. Il rapporto delinea un percorso plausibile di elettrificazione, tenendo conto degli attuali livelli di ambizione politica in paesi come il Regno Unito e la Germania. L'elettrificazione potrebbe avvenire attraverso un mix di cambiamenti diretti e indiretti. Si stima che il sistema energetico potrebbe aver bisogno del 75% in più di capacità di generazione entro il 2050 rispetto a quello che sarebbe necessario senza l'accoppiamento aggiuntivo del settore, con impianti eolici e solari a basso costo che comprendono la maggior parte di essi. Il sistema energetico dovrebbe anche essere più flessibile a causa della diversa energia

per ridurre ulteriormente le emissioni a zero, i governi dovrebbero introdurre politiche più ambiziose che accelerino il percorso di accoppiamento settoriale e portare sul mercato altre tecnologie come la cattura, l'uso e lo stoccaggio del carbonio (CCUS)

Sarà importante soddisfare la domanda aggiuntiva di energia con energia pulita il più possibile per massimizzare i benefici climatici dell'accoppiamento settoriale. È possibile scaricare il rapporto.


Contenuti correlati   #elettricità  #tecnologie  #ambizione politica 


L'elettrificazione dei settori dei trasporti, degli edifici e dell'industria inEuropa potrebbe ridurre le emissioni di gas serra del60% tra il 2020 e il 2050, secondo un nuovo rapporto della società di ricerca BloombergNEF (BNEF).

Scritto in collaborazione con Eaton e Statkraft, il rapporto, "Sector Coupling in Europa: Powering Decarbonization", delinea un percorso plausibile di elettrificazione, tenendo conto degli attuali livelli di ambizione politica in paesi come il Regno Unito e la Germania.

Secondo BNEF, l'elettrificazione, o "sector coupling" come è noto in alcuni paesi, potrebbe dare un enorme contributo al raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni dei governi sfruttando la transizione a basse emissioni di carbonio già in corso nel settore della produzione di energia.

L'elettrificazione potrebbe avvenire attraverso un mix di cambiamenti diretti e indiretti. Diretti comporterebbero la proliferazione di veicoli elettrici nella maggior parte del settore dei trasporti possibile, e la diffusione di sistemi di riscaldamento elettrici come le pompe di calore negli edifici e in alcune parti dell'industria; e indiretti comporterebbero un passaggio all'"idrogeno verde" - prodotto per elettrolisi usando elettricità rinnovabile - come combustibile per fornire calore agli edifici e a quanti più processi industriali possibili, che altrimenti farebbero affidamento sui combustibili fossili.

Il rapporto stima che il sistema energetico potrebbe avere bisogno del 75% in più di capacità di generazione entro il 2050 rispetto a quello che sarebbe necessario senza l'accoppiamento del settore aggiuntivo, con impianti eolici e solari a basso costo che comprendono la maggior parte di questo. Il sistema energetico dovrebbe anche essere più flessibile a causa dei diversi modelli di consumo energetico del riscaldamento e dei trasporti. Allo stesso tempo, i nuovi settori elettrificati potrebbero creare nuove fonti di questa flessibilità - essendo in grado di modificare i loro modelli di consumo - a condizione che le giuste politiche e tecnologie siano in atto.

Un tale percorso di elettrificazione permetterebbe all'energia (direttamente e indirettamente) di rappresentare fino al 60% della domanda finale di energia di questi settori, rispetto al solo 10% attuale. Questo sarebbe ancora molto lontano dalla completa decarbonizzazione per questi settori. Ciò è dovuto alle varie attività difficili da eliminare al loro interno - tra cui l'aviazione, la navigazione, il trasporto su strada a lungo raggio e i processi industriali ad alta temperatura come il cemento e l'acciaio - così come i lunghi cicli di sostituzione di alcuni beni.

BNEF afferma che per ridurre ulteriormente le emissioni a zero netto, i governi dovrebbero introdurre politiche più ambiziose che accelerino il percorso di accoppiamento del settore, e portare sul mercato altre tecnologie come la cattura, l'uso e lo stoccaggio del carbonio (CCUS). Dovrebbero anche occuparsi dell'agricoltura e dell'uso del suolo.

Sarà importante soddisfare la domanda aggiuntiva di energia con energia pulita, per quanto possibile, per massimizzare i benefici climatici dell'accoppiamento settoriale. Nel percorso del rapporto, che presuppone che le sfide sopra menzionate siano soddisfatte, le emissioni totali tra energia, trasporti, edifici e industria diminuiscono del 68% dal 2020 al 2050. Questo si confronta con una riduzione del 60% se si considerano solo i trasporti, gli edifici e l'industria.

Potete scaricare il rapporto completo qui.

 

Autore: Emily Holbrook

Credito immagine: Pixabay

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato su Leader di Ambiente+Energia.