Approfondimenti sui dati energetici: Il "passo intelligente" mancante per migliorare le prestazioni degli edifici

06 November 2017 da Jürgen Ritzek
Approfondimenti sui dati energetici: Il "passo intelligente" mancante per migliorare le prestazioni degli edifici

Dexma ci ha mostrato una nuova soluzione basata sull'intuizione dei "2 passi verso l'efficienza energetica".

La soluzione si rivolge principalmente alle prestazioni energetiche degli edifici. Al fine di decarbonizzare il patrimonio edilizio dell'UE entro il 2050, una visione delineata nella comunicazione Energia pulita per tutti gli europei (2016), la maggior parte degli edifici deve essere altamente efficiente dal punto di vista energetico, il che significa che dovrebbero essere conformi a un certificato di prestazione energetica (EPC) etichetta A. Tuttavia, solo dopo il 2010 l'edificio medio è stato costruito con uno standard efficiente (0,49 W/m2 K per l'involucro dell'edificio) nell'Unione europea. Questo significa che solo il 3% di

del patrimonio edilizio nell'UE si qualifica effettivamente per il marchio A, quindi il 97% (non il 75% come si dice di solito) dovrebbe essere aggiornato. E il 97% del patrimonio edilizio dovrebbe quindi essere rinnovato per raggiungere uno standard di efficienza energetica più alto. Questo potrebbe rivelarsi più difficile del previsto. Il patrimonio edilizio medio nell'UE.


Contenuti correlati   #tecnologie  #efficienza energetica  #prestazioni degli edifici 


Dopo il nostro ultimo articolo su "L'intelligenza artificiale nel software di gestione dell'energia", abbiamo ricevuto molte risposte sia dai venditori che dagli utenti. Nelle prossime settimane e mesi le seguiremo tutte e presenteremo qui quelle che riteniamo essere nuove soluzioni rilevanti e intelligenti.

Come EEIP ci stiamo concentrando in particolare sulle soluzioni che non solo offrono un rendimento più elevato, ma che affrontano (e risolvono) una barriera specifica nel mercato.

Dexma ci ha mostrato una nuova soluzione basata sull 'intuizione dei "2 passi verso l'efficienza energetica". Fondamentalmente significa che è necessario dotare qualcuno all'interno di un'azienda di alcuni argomenti per avviare un audit energetico. E gli argomenti qui significano un reale potenziale di risparmio. Inoltre, c'è anche un legame con l'intelligenza artificiale in quanto la nuova soluzione utilizza anche algoritmi di riconoscimento dei modelli per raccomandare automaticamente diverse soluzioni tecniche.

Come funziona la nuova piattaforma AI: controlla durante il webinar walkthrough dal vivo (registrazione)

Giovedì 9 novembre, il Product Director di Dexma Daniel Utges ha mostrato la soluzione durante un webinar che includeva un walkthrough dal vivo. È possibile registrarsi qui - o dopo il 9 novembre utilizzare questo link per visualizzare la registrazione.

La soluzione è rivolta principalmente alle prestazioni energetiche degli edifici, quindi iniziamo con un breve background

Barriere alle prestazioni degli edifici

Un passo importante e necessario per raggiungere l'Accordo di Parigi richiede una transizione verso un patrimonio edilizio altamente efficiente in termini di prestazioni energetiche reali. Questo è forse più vero che in Europa, dove si afferma spesso che "tutti gli edifici costruiti prima del 1990 sono inefficienti" e che fino al 75% devono essere ristrutturati per raggiungere uno standard di efficienza energetica più elevato.

Al fine di decarbonizzare il patrimonio edilizio dell'UE entro il 2050, una visione delineata nella comunicazione Energia pulita per tutti gli europei (2016), la maggior parte degli edifici deve essere altamente efficiente dal punto di vista energetico, il che significa che dovrebbero essere conformi a un certificato di prestazione energetica (EPC) con etichetta A.

Purtroppo, questo potrebbe rivelarsi più difficile del previsto. Una nuova ricerca del BPIE mostra che anche se le prestazioni degli edifici sono in costante miglioramento nell'UE, solo dopo il 2010 l'edificio medio è stato costruito secondo uno standard efficiente (0,49 W/m2 K per l'involucro dell'edificio) nell'Unione europea. Ciò significa che solo il 3% del patrimonio edilizio nell'UE si qualifica effettivamente per il marchio A, quindi il 97% (non il 75% come si dice di solito) dovrebbe essere aggiornato.

Due passi verso l'efficienza energetica: Un doppio vincolo?

"L'ammodernamento è costoso, e quello che troviamo è che molte aziende non riescono nemmeno a superare la prima fase di ottenere il consenso interno per fare l'investimento iniziale in un audit energetico, per non parlare della seconda fase dell'installazione delle attrezzature più efficienti o del retrofit che li aiuterà a raggiungere il livello A di EPC", spiega Daniel Utges, direttore di prodotto presso DEXMA, una società di analisi energetica con sede a Barcellona.

Dopo aver condotto un sondaggio su quasi 300 professionisti dell'energia l'anno scorso (il download del rapporto è gratuito ma richiede la registrazione), DEXMA ha scoperto che la maggior parte di loro lotta ugualmente con la comprensione di quali siti su cui concentrarsi prima, e l'ottenimento del budget per installare l'hardware necessario per risparmiare energia. "Questi punti dolenti erano come campanelli d'allarme per noi dal punto di vista dello sviluppo del prodotto", osserva Daniel. Lui e il suo team hanno capito che avevano bisogno di costruire qualcosa che aiutasse gli utenti a identificare le opportunità di risparmio rapidamente e facilmente, eliminando l'attrito o le barriere che tipicamente mettono i freni alla maggior parte dei progetti di efficienza energetica.

"Oltre a una linea di partenza arretrata, una grave mancanza di granularità dei dati ci impedisce di essere in grado di individuare esattamente quali edifici dovrebbero essere riqualificati e quando, soprattutto quando è coinvolto un portafoglio di più edifici", dice Daniel. Per questo motivo, era importante per DEXMA trovare un modo per sfruttare il loro database di oltre 50.000 edifici monitorati in tempo reale - che significa 30 milioni di letture giornaliere che possono essere utilizzate per fornire un contesto storico e la profonda granularità che tipicamente manca nei dati energetici degli edifici.

Ancora un'altra barriera appare quando si considera come le PMI sono spesso lasciate fuori da iniziative governative ben intenzionate per promuovere l'efficienza energetica. "Parlando con i nostri partner e i loro clienti, abbiamo anche notato che le sovvenzioni e i programmi di sostegno tendono ad essere rivolti a grandi consumatori di energia, come gli impianti di produzione o i produttori di energia, o all'altra estremità dello spettro, verso iniziative di risparmio energetico residenziale", osserva Daniel. La strategia di crescita pulita del Regno Unito offre un esempio eloquente, con l'unica menzione delle PMI che appare in un impegno ad esplorare "come possiamo migliorare la fornitura di informazioni e consigli" per incoraggiare la loro adozione di tecnologie di efficienza energetica".

Fortunatamente, nuovi strumenti basati sui dati stanno diventando disponibili per affrontare questa serie di sfide e necessità di rendimento energetico degli edifici.

"Le PMI sono davvero il mezzo mancante quando si tratta di efficienza energetica", dice Daniel. "Ci siamo subito resi conto che c'è un bisogno reale, soprattutto per le imprese con un alto potenziale di risparmio energetico, ma senza le risorse per esternalizzare una ESCO per trovarli e sfruttarli. Ecco perché abbiamo progettato una piattaforma per le imprese che vogliono risparmiare energia attraverso l'efficienza, ma non hanno necessariamente il tempo, le risorse o le competenze per iniziare".

EnergyGrader: Un passo più intelligente per accelerare il rendimento energetico degli edifici

Utilizzando i dati della bolletta energetica come input principale, EnergyGrader è una nuova piattaforma che aiuta gli operatori edilizi, i proprietari, i facility manager e anche i dirigenti d'azienda con poco o nessun background in efficienza energetica a individuare le reali opportunità di risparmio energetico con una facilità e velocità senza precedenti. Gli utenti possono confrontare raccomandazioni personalizzate di risparmio energetico, secondo il periodo di recupero e il ROI, al fine di catalizzare il processo di trovare una soluzione specifica che si adatti alle loro esigenze e al loro budget.

Anche se i dirigenti d'azienda possono essere in grado di visualizzare il loro utilizzo sulla bolletta energetica, spesso non agiscono perché non capiscono gli effetti che le varie azioni potrebbero avere sul loro budget, o percepiscono gli interventi di efficienza energetica come troppo complessi o dirompenti. EnergyGrader toglie l'attrito dalle decisioni di efficienza energetica collegandole ai dati reali di consumo e contestualizzandole per ogni singolo utente.

La disponibilità di raccomandazioni personalizzate basate su dati reali di spesa energetica può anche fornire la giustificazione e l'impulso necessari per incoraggiare le imprese ad attuare effettivamente progetti di efficienza energetica. "Per i proprietari con portafogli di edifici più grandi, l'opportunità di scalare i progetti è enorme e molto più conveniente", dice Daniel.

La piattaforma AI alimentata da algoritmi di riconoscimento dei modelli può raccomandare automaticamente diverse soluzioni, tra cui:

  • quale tecnologia di retrofit funziona meglio per il vostro progetto e il vostro budget
  • approfondimenti sul progetto di efficienza energetica CAPEX o OPEX
  • quando aspettarsi dei risparmi
  • quali edifici o siti offrono il più alto potenziale di risparmio
  • periodi di recupero e altre metriche specifiche e di facile comprensione per il CFO.

"La libreria di raccomandazioni di EnergyGrader continuerà ad espandersi e a fornire raccomandazioni sempre più precise nel tempo, man mano che imparerà dal comportamento di spesa energetica degli utenti e dai profili degli edifici. L'idea è quella di far crescere le capacità di raccomandazione della piattaforma in termini di precisione e disponibilità. È davvero emozionante essere in prima linea nell'introdurre l'intelligenza artificiale e gli algoritmi di apprendimento automatico nel settore dell'edilizia, dove può avere un impatto significativo", afferma Daniel.

Giovedì 9 novembre 2017, il Product Director di DEXMA Daniel Utges terrà un webinar gratuito su come scalare l'efficienza energetica con l'AI. Dopo il 9 novembre è possibile utilizzare il link di registrazione (sotto) per visualizzare la registrazione.

Questa sessione di formazione online gratuita è aperta a tutti e includerà un walkthrough dal vivo della nuova piattaforma EnergyGrader. La registrazione è gratuita, ma i posti sono limitati - potete prenotare il vostro posto qui: http://dex.ma/2z2OexU. Dopo il 9 novembre, potete usare questo link per rivedere la registrazione. Inoltre, la nuova piattaforma può essere testata gratuitamente per 30 giorni.

Per commenti o per indirizzarci verso ulteriori soluzioni software di gestione dell'energia che utilizzano applicazioni AI, contattatemi all'indirizzo juergen.ritzek(at)ee-ip.org. Per qualsiasi domanda sulla piattaforma EnergyGrader, si prega di contattare Nicole Harper, il nostro contatto in Dexma.

Articoli correlati