Aumentare il flusso di investimenti nell'efficienza energetica nell'industria

01 February 2018 da Dr. Steven Fawkes
Aumentare il flusso di investimenti nell'efficienza energetica nell'industria

L'indagine EEVS nel Regno Unito mostra che in 5 anni solo il 5% dei progetti sono stati finanziati da terzi. La maggior parte delle volte l'investitore è il CFO, infatti anche se i progetti sono finanziati esternamente. In qualsiasi organizzazione le cose che sono considerate strategiche hanno molte più probabilità di essere investite e di solito hanno periodi di ritorno più lunghi. L'efficienza energetica porta molti altri benefici oltre al risparmio di energia e di costi energetici. Dobbiamo incoraggiare la conoscenza dei benefici dell'esternalizzazione dei servizi energetici e il know-how per implementare tali progetti. E dobbiamo lavorare per assicurare che le banche che servono il settore industriale vedano i

i benefici per loro che sono la riduzione del rischio e una nuova opportunità di business. Il prossimo pezzo del puzzle è un approccio comune per costruire migliori casi aziendali dall'inizio alla fine, cioè dalla generazione dell'idea fino alla messa in servizio e ai piani di misurazione e verifica. Per affrontare questo aspetto dobbiamo assolutamente costruire la capacità degli utenti finali e dei consulenti sulle tecniche di progettazione ad alta efficienza.


Contenuti correlati   #investimenti agevolati  #costi dell'energia  #finanziamenti esterni 


Il più recente incontro dell'EEFIG si è concentrato sull'industria, un settore a volte trascurato rispetto agli edifici. Ho riassunto il lavoro sull'Underwriting Toolkit dell'EEFIG e ho colto l'occasione per fare alcune osservazioni su come aumentare il flusso di investimenti in efficienza energetica nell'industria.

Quando si parla di investimenti in efficienza energetica, spesso si presume che si parli di terzi, di investimenti esterni da parte di banche o fondi, ma la realtà è che la maggior parte degli investimenti in efficienza sono finanziati internamente. L'indagine EEVS nel Regno Unito mostra che in 5 anni solo il 5% dei progetti sono stati finanziati da terzi. Il rapporto dell'AIE sull'efficienza energetica mostra che gli investimenti globali in efficienza energetica nel 2016 sono cresciuti del 16% a 231 miliardi di dollari, ma nel settore delle imprese solo il 25% è stato fornito dal debito, e il mercato ESCO è solo il 12% dell'investimento totale. La realtà è che la maggior parte delle volte l'investitore è il CFO, infatti anche se i progetti sono finanziati esternamente il CFO sarà sempre un decisore chiave. I CFO hanno esattamente gli stessi problemi intorno all'efficienza energetica che hanno gli investitori esterni, cioè

  1. mancanza di competenza;
  2. mancanza di certezza sui risultati.

Data l'importanza dei CFO e il fatto che hanno gli stessi problemi degli investitori terzi, l'Underwriting Toolkit dell'EEFIG dovrebbe essere utile per loro. L'EEFIG dovrebbe considerare il modo migliore per distribuirlo alla comunità dei CFO, possibilmente attraverso istituti contabili come l'Institute of Chartered Accountants in Inghilterra e Galles e organizzazioni simili negli stati membri, senza dimenticare i CFO del settore pubblico che spesso hanno i loro istituti e reti.

Anche se le persone spesso criticano il fatto che l'industria insiste tipicamente su un periodo di recupero di due anni per l'efficienza energetica, la realtà è che può essere del tutto razionale fare questo dato:

  • incertezza dei risultati;
  • l'incertezza sulla domanda futura / i livelli di produzione / i tipi di prodotto / i mercati o anche i luoghi di produzione;
  • l'esistenza di investimenti più strategici come nuovi impianti di produzione, nuovi prodotti o marketing.

L'eccellente lavoro di Catherine Cooremans ha evidenziato che l'efficienza energetica non è solitamente strategica. In qualsiasi organizzazione le cose che sono considerate strategiche hanno molte più probabilità di essere investite e di solito hanno periodi di recupero più lunghi. Negli ultimi anni abbiamo riconosciuto che l'efficienza energetica porta molti altri benefici oltre al risparmio energetico e dei costi energetici. Questi benefici possono includere

  • aumento del valore delle risorse,
  • aumento della produttività,
  • aumento della salute e del benessere e molti altri.

Questi tipi di benefici sono spesso molto più strategici e interessanti per i decisori rispetto al solo risparmio dei costi energetici. Questi benefici sono stati a lungo trascurati nella costruzione di casi aziendali perché l'industria dell'efficienza energetica si concentra solo sul risparmio energetico - investire x e risparmiare y. Abbiamo standardizzato e reso obbligatori gli audit energetici, ma ovviamente si concentrano solo sull'energia, gli standard sono stati sviluppati da esperti di efficienza energetica. Dobbiamo lavorare per migliorare la qualità dei casi aziendali e garantire che includano tutti i benefici. Ora abbiamo la standardizzazione degli aspetti tecnici dei progetti di efficienza energetica, sotto forma di Investor Confidence Project e del suo sistema di certificazione dei progetti Investor Ready Energy Efficiency™., e un approccio per la valutazione del valore e del rischio sotto forma del kit di strumenti di sottoscrizione EEFIGIl prossimo pezzo del puzzle è un approccio comune per costruire casi aziendali migliori dall'inizio alla fine, cioè dalla generazione dell'idea fino alla messa in servizio e ai piani di misurazione e verifica.

Un altro aspetto nell'industria è il fatto che l'idea di esternalizzare i servizi energetici non è stata generalmente accettata nell'industria, mentre l'esternalizzazione dell'IT o delle flotte di veicoli è accettata. Dove è presente, di solito si limita a servizi ausiliari come caldaie e sistemi di aria compressa. Abbiamo bisogno di incoraggiare la conoscenza dei benefici dell'esternalizzazione dei servizi energetici e il know-how per implementare tali progetti.

La realtà per la maggior parte delle aziende industriali è che se hanno bisogno di un finanziamento esterno è più probabile che si rivolgano alla loro banca piuttosto che a un'entità separata come un fondo specializzato in efficienza energetica. Dobbiamo lavorare per garantire che le banche che servono il settore industriale vedano i benefici per loro, che sono la riduzione del rischio e una nuova opportunità di business.

Infine, quando parliamo di investimenti in efficienza energetica, tendiamo a concentrarci su progetti di retrofit, ma ogni giorno vengono prese centinaia o addirittura migliaia di decisioni di investimento su nuove linee di produzione, espansione, nuovi impianti di produzione. Questi sono quelli che io chiamo investimenti "normali". I nuovi impianti saranno intrinsecamente più efficienti delle vecchie tecnologie e degli impianti che sostituiscono a causa delle normative più severe e della migliore tecnologia. Sappiamo però che per molte ragioni, mancanza di know-how, pressione del tempo ecc, molte opportunità di investimento efficaci in termini di costi per massimizzare l'efficienza energetica vengono perse. Per affrontare questo problema abbiamo sicuramente bisogno di costruire capacità negli utenti finali e nei consulenti sulle tecniche di progettazione ad alta efficienza come la progettazione integrata.L'uso corretto della progettazione integrata è stato dimostrato dal Rocky Mountain Institute e dall'eccellente programma Energy Efficiency Design dell'Agenzia per l'Energia Sostenibile che riduce significativamente i costi energetici e anche le spese di capitale. Dobbiamo anche aiutare le banche a fare le domande giuste adottando processi come quelli della EBRD, e come ING ha implementato per il settore immobiliare, in cui ai clienti che chiedono finanziamenti per nuove strutture vengono chiesti i livelli di efficienza energetica. Se le banche vogliono contribuire agli obiettivi climatici, dovrebbero finanziare solo i miglioramenti e le nuove strutture che vanno oltre i miglioramenti "Business As Usual".

Per riassumere: per aumentare il flusso di investimenti nell'efficienza energetica abbiamo bisogno di:

  • costruire capacità all'interno dei CFO e delle banche per aiutarli a comprendere meglio e valutare il valore e i rischi dei progetti di efficienza energetica - per fare questo i governi e l'UE possono promuovere l'uso dell'Underwriting Toolkit dell'EEFIG all'interno delle istituzioni finanziarie e dei consigli di amministrazione delle aziende.
  • costruire il caso per i servizi energetici in outsourcing per renderli comuni come l'outsourcing dell'IT o delle flotte di veicoli - le associazioni di categoria e i fornitori hanno bisogno di costruire e promuovere il caso dell'outsourcing energetico. I governi e l'UE possono aiutare in questo.
  • lavorare per migliorare la costruzione di migliori casi aziendali attraverso guide e formazione che sottolineino i benefici strategici non energetici - l'UE potrebbe sostenere lo sviluppo di una guida per costruire migliori casi aziendali. Questo si baserà sul lavoro che l'UE ha già sostenuto per lanciare l'Investor Confidence Project e l'Underwriting Toolkit dell'EEFIG.
  • guidare la standardizzazione dello sviluppo e della documentazione dei progetti di efficienza energetica attraverso le migliori pratiche e i programmi di certificazione come l'Investor Confidence Project's Investor Ready Energy Efficiency™ - le banche di sviluppo e gli altri finanziatori, compresi i fornitori di fondi per l'efficienza energetica come l'UE e i governi degli stati membri, dovrebbero insistere sull'utilizzo delle migliori pratiche e dei programmi di certificazione.
  • esigere che tutti i progetti abbiano la misurazione e la verifica (M&V) e che vengano raccolti e analizzati dati reali sulle prestazioni. Nel tempo questo creerà i dati per una corretta valutazione del rischio - di nuovo, tutte le banche di sviluppo e i finanziamenti a fondo perduto dovrebbero insistere sulla M&V. Non possiamo più implementare progetti che non generano dati di performance; già ora molti progetti vengono finanziati senza insistere sul M&V, anche progetti che sono sostenuti dalla BEI e dai fondi di sovvenzione europei. Questo non è più accettabile.
  • migliorare la capacità di una domanda integrata e ad alta efficienza, sia tra i clienti e i consulenti che tra la comunità finanziaria - l'utilizzo di progetti "off the shelf", BAU per nuove strutture ed edifici non dovrebbe più essere accettabile.
  • equipaggiare le principali istituzioni finanziarie a porre le giuste domande sulle richieste di finanziamento di nuove strutture, al fine di massimizzare l'adozione di opportunità di efficienza energetica economicamente vantaggiose che oggi sono spesso mancate.

Articoli correlati