Elettromobilità, mobilità e trasporto pubblico

Auto elettriche migliori per il clima nel 95% del mondo

26 marzo 2020
Auto elettriche migliori per il clima nel 95% del mondo

I timori che le auto elettriche possano effettivamente aumentare le emissioni di carbonio sono infondati in quasi tutte le parti del mondo, come dimostra una nuova ricerca.

I rapporti hanno messo in dubbio che le auto elettriche siano davvero "più verdi" una volta che le emissioni derivanti dalla produzione e dalla generazione della loro elettricità sono prese in considerazione. Ma un nuovo studio delle università di Exeter, Nijmegen e Cambridge ha concluso che le auto elettriche portano a emissioni di carbonio inferiori nel complesso, anche se la generazione di elettricità si basa ancora sui combustibili fossili. Irisultati sono riportati nella rivista Nature Sustainability.

Nelle condizioni attuali, guidare un'auto elettrica è meglio per il clima rispetto alle auto a benzina convenzionali nel 95% del mondo, secondo lo studio. Le uniche eccezioni sono luoghi come la Polonia, dove la produzione di elettricità è ancora basata principalmente sul carbone.

Le emissioni medie per tutta la vita delle auto elettriche sono fino al 70% più basse di quelle delle auto a benzina in paesi come la Svezia e la Francia (che ottengono la maggior parte della loro elettricità da fonti rinnovabili e nucleare), e circa il 30% più basse nel Regno Unito.

In pochi anni, anche le auto elettriche inefficienti avranno meno emissioni della maggior parte delle nuove auto a benzina nella maggior parte dei paesi, dato che si prevede che la produzione di elettricità sarà meno ad alta intensità di carbonio di oggi.

Lo studio prevede che entro il 2050, ogni altra auto sulle strade potrebbe essere elettrica. Questo ridurrebbe le emissioni globali di CO2 fino a 1,5 gigatoni all'anno, che è equivalente al totale delle attuali emissioni di CO2 della Russia. Lo studio ha anche esaminato le pompe di calore elettriche domestiche, e ha scoperto che anch'esse producono emissioni inferiori alle alternative a combustibile fossile nel 95% del mondo.

Le pompe di calore potrebbero ridurre le emissioni globali di CO2 nel 2050 fino a 0,8 gigatoni all'anno - circa pari alle attuali emissioni annuali della Germania.

"Abbiamo iniziato questo lavoro qualche anno fa, e i responsabili politici nel Regno Unito e all'estero hanno mostrato molto interesse per i risultati", ha detto l'autore senior Dr Jean-Francois Mercure dell'Università di Exeter. "La risposta è chiara: per ridurre le emissioni di carbonio, dovremmo scegliere auto elettriche e pompe di calore domestiche rispetto alle alternative a combustibile fossile".

"L'idea che i veicoli elettrici o le pompe di calore elettriche possano aumentare le emissioni è essenzialmente un mito", ha detto l'autore principale Dr Florian Knobloch, dell'Università di Nijmegen nei Paesi Bassi. "Abbiamo visto un sacco di discussioni su questo argomento di recente, con un sacco di disinformazione in giro. Ecco uno studio definitivo che può sfatare questi miti. Abbiamo eseguito i numeri per tutto il mondo, esaminando un'intera gamma di auto e sistemi di riscaldamento.

"Anche nel nostro scenario peggiore, ci sarebbe una riduzione delle emissioni in quasi tutti i casi. Questa intuizione dovrebbe essere molto utile per i responsabili politici".

Lo studio ha esaminato le emissioni attuali e future di diversi tipi di veicoli e opzioni di riscaldamento domestico in tutto il mondo. Ha diviso il mondo in 59 regioni per tenere conto delle differenze nella produzione di energia e nella tecnologia. In 53 di queste regioni - compresi gli Stati Uniti, la Cina e la maggior parte dell'Europa - i risultati mostrano che le auto elettriche e le pompe di calore hanno già un livello di emissioni inferiore alle alternative a combustibile fossile. Queste 53 regioni rappresentano il 95% della domanda globale di trasporto e di riscaldamento e, con la decarbonizzazione della produzione di energia in tutto il mondo, Mercure ha detto che "gli ultimi casi discutibili scompariranno presto".

"Comprendere l'effetto delle innovazioni a basse emissioni di carbonio sui settori rilevanti dell'economia, come il riscaldamento e il trasporto, è fondamentale per lo sviluppo di una politica efficace", ha detto il co-autore DrPablo Salas, del Cambridge Institute for Sustainability Leadership. "Speriamo che il nostro lavoro possa informare il processo politico qui nel Regno Unito e all'estero, in particolare intorno alle discussioni sui nuovi obiettivi di carbonio nel quadro dell'accordo di Parigi".

I ricercatori hanno effettuato una valutazione del ciclo di vita in cui hanno calcolato non solo le emissioni di gas serra generate durante l'utilizzo di automobili e sistemi di riscaldamento, ma anche nella catena di produzione e nel trattamento dei rifiuti.

"Tenendo conto delle emissioni derivanti dalla produzione e dall'uso continuo di energia, è chiaro che dovremmo incoraggiare il passaggio alle auto elettriche e alle pompe di calore domestiche senza alcun rimpianto", ha detto Knobloch.

 

Autore: Università di Cambridge

Credito d'immagine: Andrew Roberts / Unsplash

Questo articolo è pubblicato sotto licenza Creative Commons Attribution 4.0 International.

 


Contenuti correlati