Dubai annuncia che il 25% dei suoi edifici sarà stampato in 3D nel 2030

06 February 2020
Dubai annuncia che il 25% dei suoi edifici sarà stampato in 3D nel 2030

Dubai ha recentemente annunciato una strategia di stampa 3D per renderlo un hub leader per la produzione additiva nelle costruzioni. L'Emirato prevede di ridurre i costi medi di costruzione degli edifici dal 50 al 70% e i costi della manodopera fino all'80% con strutture costruite in 3D. Nel dicembre 2019, Dubai ha annunciato di ospitare il più grande edificio stampato in 3D al mondo, costruito in due settimane. Questo edificio di 650 metri quadrati (quasi 7.000 piedi quadrati) è stato assemblato al ritmo giornaliero di 93 metri quadrati (1000 piedi quadrati)

L'edificio è stato in grado di resistere agli estremi del caldo e del freddo delle penisole arabe

La stampante 3D utilizzata era mobile e delle dimensioni di un'automobile standard. La struttura ha richiesto solo tre operai e una gru per l'installazione delle finestre, del tetto e dei supporti in cemento armato inseriti nelle pareti di cemento stampato in 3D. L'edificio viene utilizzato per l'amministrazione della città. Dubai crede nel mercato della struttura stampata in 3D.


Contenuti correlati   #fabbricazione additiva  #costruzione  #precisione 


La fabbricazione additiva, o stampa 3D, sta per cambiare il modo in cui gli edifici sono costruiti, almeno a Dubai. Questa città degli Emirati Arabi Uniti harecentemente annunciato una strategia di stampa 3D per renderla un hub leader per la produzione additiva nelle costruzioni.

Lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, sovrano di Dubai, ha dichiarato: "Ilnostroobiettivo principale è quello di garantire che il 25% degli edifici a Dubai siano basati sulla tecnologia di stampa 3D entro il 2030, e aumenteremo questa percentuale con lo sviluppo della tecnologia globale e la crescita della domanda del mercato. Crediamo che questa tecnologia sia in grado di trasformare il settore delle costruzioni abbassando i costi e riducendo i tempi di realizzazione dei progetti.

Nel 2016 abbiamo avuto ilprimo ponte stampato in 3D costruito per il traffico pedonale in Spagna. Nel gennaio dello scorso anno,Shanghai ha introdotto quello che attualmente è il più lungo ponte in cemento stampato in 3D del mondo. E a Eindhoven, nei Paesi Bassi, quest'anno è stato completato il primo di un gruppo di 5, case stampate in 3D. Questi primi progetti stanno dimostrando i vantaggi della stampa 3D nell'edilizia. Minori costi di manodopera e risultati più rapidi.

Ecco un confronto nella costruzione con il cemento.

Il modo tradizionale coinvolge lavoratori esperti che creano forme di legno una tantum per creare muri e strutture dell'edificio. Il calcestruzzo viene poi mescolato e versato in queste forme. Una volta che il calcestruzzo si indurisce, le forme devono essere smontate. Di solito, il legno può essere usato solo una volta, a seconda della complessità del progetto dell'edificio. Questo significa un sacco di materiale di scarto che ha un costo.

Il metodo di stampa 3D usa un braccio robotico posto su binari di guida collegati a un alimentatore di "inchiostro" che riceve istruzioni da un sistema informatico contenente l'immagine 3D e le specifiche dettagliate dell'edificio. Il braccio robotico ha un ugello collegato a un alimentatore di inchiostro, un impasto di cemento a presa rapida che viene posizionato con precisione dove è richiesto seguendo le istruzioni ricevute dalla specifica generata dal computer. Un sistema di costruzione con stampa 3D ha bisogno di pochissimi lavoratori per funzionare. Infatti, può funzionare autonomamente. Il processo di costruzione è un assemblaggio di strati. Non sono necessarie forme. Nessuno deve mescolare e versare il calcestruzzo. E non ci sono sprechi. Un piccolo edificio può essere eretto in un giorno, uno più grande in una settimana o due. E la stampante 3D può utilizzare diverse specifiche 3D che le vengono fornite, per creare altre strutture. Anche l'"inchiostro" usato dalla stampante 3D può variare a seconda della disponibilità locale del materiale.

Suona come un cambio di gioco per l'industria? Molti nell'edilizia sono convinti che lo sia. Metti la stampante 3D su un pianale e puoi spostarla quasi ovunque e costruire quasi tutto. Una società di tecnologia edilizia con sede ad Austin, Texas,Iconaha una stampante Vulcan II 3D che sta costruendo case fino a 185 metri quadrati (2.000 piedi quadrati). Ha costruito laprima comunità stampata in 3D in Messico.

A Dubai, la stampa 3D non sarà limitata alla costruzione. La città emiratina prevede anche di utilizzare la tecnologia per prodotti medici e di consumo. Il settore medico si concentrerà sulla stampa di ossa, denti, dispositivi chirurgici, apparecchi acustici e organi artificiali. Il lato consumer svilupperà articoli per la casa, ottica, gioielli e persino fast food.

Dubai si aspetta di ridurre i costi medi di costruzione degli edifici dal 50 al 70%, e i costi della manodopera fino all'80% con strutture costruite in 3D. E i rifiuti di costruzione dovrebbero essere ridotti fino al 60%.

L'Emirato ritiene che il mercato della stampa 3D nel 2020 sarà di 120 miliardi di dollari e di 300 miliardi di dollari entro il 2025. Vuole tagliare per sé una grande fetta di questa torta multimiliardaria di costruzione 3D.

Nel dicembre 2019, Dubai ha annunciato di ospitare il più grande edificio stampato in 3D del mondo, costruito in due settimane. Questo edificio di 650 metri quadrati (quasi 7.000 piedi quadrati) fatto di cemento e "inchiostri" di gesso è stato assemblato al ritmo giornaliero di 93 metri quadrati (1000 piedi quadrati). Durante la costruzione, è stato in grado di resistere agli estremi del caldo e del freddo del clima desertico della penisola araba, così come la sua estrema umidità. La stampante 3D utilizzata era mobile e delle dimensioni di un'automobile standard. La struttura ha richiesto solo tre operai e una gru per l'installazione delle finestre, del tetto e dei supporti in cemento armato inseriti nei muri di cemento stampati in 3D. L'edificio viene utilizzato per l'amministrazione cittadina.

 

Autore: Len Rosen

Credito immagine: Apis Cor

Questo articolo è stato pubblicato in precedenza 21centech.com