La transizione energetica della Corea del Sud includerà il nucleare?

25 July 2018 da Jürgen Ritzek
La transizione energetica della Corea del Sud includerà il nucleare?

Nel maggio dello scorso anno, il presidente Moon è stato eletto dopo l'impeachment dell'ex presidente spinto da proteste pacifiche. Con 24 reattori in funzione, la Corea del Sud ha la più alta densità di centrali nucleari tra i paesi con più di dieci reattori. La più vecchia centrale nucleare (Kori 1) è stata chiusa definitivamente lo scorso giugno. Dopo che il governo ha fermato la costruzione, ha affrontato il contraccolpo degli scienziati nucleari e del partito opposto. L'opinione generale in Corea sostiene il mantenimento della quota di energia nucleare nel mix energetico, anche se il presidente che è salito al potere attraverso massicce proteste dice che vuole che la Corea del Sud sia un paese senza nucleare. Il mix di elettricità è attualmente composto per il 40% da carbone, 30% da nucleare, 22% da gas naturale e 4% da energie rinnovabili. La consapevolezza ambientale è aumentata e le preoccupazioni sul nucleare sono diventate maggiori. Se i gruppi di interesse nei movimenti per l'energia rinnovabile stanno crescendo nell'energia nucleare stanno crescendo. È una domanda difficile sia per il Nord che per la Corea del Sud.


Contenuti correlati   #phaseout  #energia rinnovabile  #luna 


La centrale nucleare di Ulchin non chiuderà presto, anche se il presidente Moon aveva sperato di ridurre la quota del nucleare in Corea (Foto da IAEA,editata, CC BY-SA 2.0)

Da Yi hyun kang, Transizione energetica.

Il mese scorso, ci sono state notizie sorprendenti dalla penisola coreana. Prima, Kim Jong-un della Corea del Nord e Moon Jae-in, il presidente sudcoreano, hanno accettato di avere un summit per la prima volta in dieci anni. Poi, poco dopo, Kim Jong-un ha proposto un colloquio con Trump e Trump ha accettato! Questo è un cambiamento significativo rispetto alle minacce di guerra nucleare dell'anno scorso.

Ma mentre il mondo presta attenzione alle armi nucleari della Corea del Nord, sviluppi interessanti sono in corso nel settore energetico della Corea del Sud. Tuttavia, questo lato della penisola coreana non è spesso nelle notizie internazionali.

Energia in Corea del Sud

Nel maggio dello scorso anno, il presidente Moon è stato eletto dopo l'impeachment dell'ex presidente spinto da proteste pacifiche contro la corruzione. Moon si è impegnato a perseguire politiche diverse dal presidente precedente in ogni aspetto. Una delle sue promesse era di rendere la Corea del Sud un paese senza nucleare e di aumentare la quota di energia rinnovabile al 20% del mix energetico entro il 2030.

La Corea del Sud rimane fortemente dipendente dai combustibili fossili e dal nucleare. Il mix di elettricità è attualmente composto per il 40% da carbone, 30% da nucleare, 22% da gas naturale e 4% da energie rinnovabili. Con 24 reattori in funzione, la Corea del Sud ha la più alta densità di centrali nucleari tra i paesi con più di dieci reattori.

Il governo sembra avere una forte volontà politica per una transizione dall'energia nucleare. La più vecchia centrale nucleare (Kori 1) è stata chiusa definitivamente lo scorso giugno. Alla cerimonia, il presidente Moon ha fatto un discorso annunciando che i progetti di nuove centrali nucleari saranno cancellati; le centrali nucleari esistenti non avranno la loro vita utile prolungata, e le vecchie centrali nucleari saranno chiuse il prima possibile.

Il primo passo è stato quello di fermare la costruzione di due centrali nucleari (Shin-Kori 5 e 6) che erano ancora in fase iniziale. Tuttavia, ormai è passato quasi un anno e la transizione energetica della Corea del Sud viene ancora portata avanti con queste due centrali nucleari in costruzione. Cosa è successo?

Il contraccolpo contro il phaseout nucleare

Poco dopo che il governo ha fermato la costruzione, ha dovuto affrontare il contraccolpo degli scienziati nucleari e del partito opposto. Il governo ha suggerito di formare un comitato di cittadini sulla questione, rendendo il processo democratico. 471 persone che sono state contattate a caso per telefono e hanno deciso di unirsi al comitato hanno discusso con esperti e parti interessate di entrambe le parti. Tre mesi dopo, nella loro ultima sessione, il comitato ha votato se continuare o meno la costruzione delle due centrali nucleari. Il risultato è stato: Il 59,5% ha votato per la ripresa della costruzione e il 40,5% contro. Il punto interessante è che la percentuale di sostegno è cresciuta di più rispetto all'inizio del comitato. Anche se la maggioranza dei partecipanti era d'accordo a ridurre la quota nucleare in futuro, il 45% era d'accordo a mantenerla o addirittura ad aumentarla. Il comitato ha quindi raccomandato al governo di riprendere la costruzione di impianti nucleari, cosa che il governo ha fatto.

Laconclusione del comitato di cittadini può essere vista piuttosto scioccante per molte persone, specialmente in Germania. Anche molti attivisti ambientali in Corea del Sud sono rimasti sorpresi, perché i movimenti antinucleari sembravano essersi rafforzati dopo il disastro di Fukushima nel vicino Giappone.

Tuttavia, la conclusione della commissione implica la particolare sfida che la transizione energetica della Corea del Sud deve affrontare. L'opinione generale in Corea sostiene il mantenimento della quota di energia nucleare nel mix energetico, anche se il presidente che è salito al potere attraverso massicce proteste dice che vuole che la Corea del Sud sia un paese senza nucleare.

Perché i coreani sostengono l'energia nucleare?

L'energia nucleare è stata vista per molto tempo come un'energia economica ed efficiente che promuoverà la crescita economica della Corea. Nell'ambito del piano di crescita verde, il governo coreano ha strategicamente promosso il nucleare cercando di ottenere contratti per costruire centrali nucleari in altri paesi come un modo per esportare la tecnologia coreana.

Sono stati creati potenti gruppi di interesse nell'industria nucleare. Anche se il nuovo governo sta cercando di staccarsi dall'eredità del governo precedente, è quasi impossibile per i maggiori partiti sudcoreani andare contro l'aspirazione allo sviluppo economico. La tecnologia nucleare è considerata un simbolo di realizzazione. Inoltre, molte persone sono preoccupate che le bollette elettriche aumentino durante la transizione energetica, anche se le bollette elettriche in Corea del Sud sono relativamente economiche.

Il governo coreano sta ancora spingendo fortemente per una transizione energetica. Secondo l'ottavo piano di base per l'offerta e la domanda di elettricità annunciato lo scorso dicembre, la Corea del Sud ridurrà gradualmente la quota nucleare dal 30% al 23,9% entro il 2030. Tuttavia, la quota rimarrà maggiore di quella delle energie rinnovabili (20%).

Quanto durerà l'energia nucleare in Corea? È una domanda difficile sia per il Nord che per la Corea del Sud. La speranza c'è; i movimenti di base per le energie rinnovabili stanno crescendo. La consapevolezza ambientale è cresciuta e le preoccupazioni sul nucleare sono diventate più grandi. Se i gruppi di interesse nelle energie rinnovabili guadagnano più potere nell'industria energetica, possono accelerare la transizione energetica in Corea del Sud senza il nucleare.

_____________

 

Restate sintonizzati! Le migliori idee per l'efficienza energetica e la transizione energetica...

 

L'autore

YI HYUN KANG è uno studente di dottorato presso la Scuola di Governance dell'Università Tecnica di Monaco, ex giornalista di Pressian, un giornale online coreano. È interessata al cambiamento climatico, all'acqua e alle questioni di cambiamento della politica.