L'Europa deve scegliere un futuro verde

16 July 2018 da Rebecca Bertram
L'Europa deve scegliere un futuro verde

L'Europa sta facendo progressi verso la sua transizione energetica a una velocità che pochi immaginavano dieci anni fa. Il continente è ora in grado di diventare il leader mondiale dell'energia verde. L'Europa può facilmente ottenere il 100% dell'energia di cui ha bisogno da fonti rinnovabili, riducendo così a zero la nostra fattura di importazione di combustibili fossili. Il trasporto rimane il settore più difficile da decarbonizzare: Più del 90% dei veicoli nell'UE bruciano combustibili fossili. La transizione energetica è anche una battaglia per la democrazia: Un mercato onnipotente non può essere lasciato senza controlli ed equilibri. Milioni di individui, cooperative e autorità locali possono giocare un

un ruolo vitale nella transizione energetica possedendo, o comproprietari, di impianti di generazione di energia rinnovabile; possono essere coinvolti attivamente producendo la propria elettricità e utilizzando contatori intelligenti per ottimizzare il loro consumo di energia. La chiusura ecologica e ferma delle miniere e delle centrali elettriche dovrebbe essere accompagnata da una pianificazione e una gestione efficaci e da una transizione equa per i lavoratori di entrambe.


Contenuti correlati   #fonti rinnovabili  #catastrofe climatica  #rinnovabili 


Pubblicato per la prima volta qui.

Un gruppo di esperti ha pubblicato i loro suggerimenti per il futuro energetico dell'Europa nell'Atlante energetico europeo 2018. In questo estratto, il membro del Parlamento europeo Claude Turmes sottolinea che la transizione energetica farà risparmiare denaro e creerà posti di lavoro - se l'Europa è disposta ad agire.

Il 100% di energia rinnovabile in Europa è fattibile ora (Foto via Energy Atlas, CC BY-SA 4.0)

L'Europa sta facendo progressi verso la sua transizione energetica ad una velocità che pochi immaginavano dieci anni fa. C'è ancora molta strada da fare, ma il continente è ora in grado di diventare il leader mondiale dell'energia verde. Ha bisogno di fare le giuste scelte politiche oggi per cogliere questa opportunità.

Il clima mondiale sta cambiando più velocemente che mai, e i cittadini europei sono sempre più informati sui suoi pericoli. Questa consapevolezza si sta convertendo in azione. I cittadini, i governi e le aziende si stanno rendendo conto che la conversione a forme più verdi di energia non è un esercizio costoso e doloroso, ma uno che porta benefici economici: risparmi sui costi, nuove industrie, posti di lavoro locali che non possono essere trasferiti, e sicurezza energetica.

 

 

L'Europa è già leader mondiale in molte tecnologie verdi, compresa l'energia eolica onshore e offshore. La transizione energetica offre opportunità di esportazione per diffondere questo know-how in tutto il mondo. La concorrenza del Nord America e dell'Estremo Oriente sta spingendo l'Europa a investire ulteriormente nella ricerca e nell'innovazione, e a stabilire condizioni in cui le tecnologie verdi possano prosperare. Queste includono un mercato interno dinamico che permette la diffusione su larga scala dell'energia rinnovabile, un settore edilizio che si concentra sugli edifici a "energia positiva" (quelli che producono più energia di quanta ne consumino), e il trasporto verde. Con migliori interconnessioni tra le reti elettriche nazionali e i settori del trasporto e del riscaldamento, l'Europa può facilmente ottenere il 100% dell'energia di cui ha bisogno da fonti rinnovabili, riducendo così a zero la nostra fattura di importazione di combustibili fossili.

Il cambiamento climatico nelle mani delle tecnologie verdi

L'accordo sul clima di Parigi del 2015 ha dimostrato che il mondo potrà limitare il cambiamento climatico solo se abbandonerà l'uso dei combustibili fossili. Il rischio carbonio è un problema tangibile, e gli investitori si ritireranno gradualmente dai combustibili fossili a favore delle tecnologie verdi. L'accordo ha aumentato la consapevolezza del potenziale delle energie rinnovabili e dei benefici dell'efficienza energetica. Progetti faro stanno emergendo con il sostegno finanziario dell'UE, come i parchi eolici offshore nel Mare del Nord e nel Mar Baltico, la conversione del teleriscaldamento dai combustibili fossili alle energie rinnovabili e i corridoi europei per la mobilità elettrica.

Negli ultimi 100 anni, la forza geopolitica è dipesa dai paesi che possedevano o avevano accesso alle risorse energetiche. In futuro, dipenderà dall'ottenere un vantaggio competitivo dalle migliori tecnologie ambientali. I paesi che fanno avanzare l'energia solare ed eolica, le reti intelligenti e lo stoccaggio di energia saranno un passo avanti. La riduzione delle loro importazioni di combustibili fossili rafforzerà la loro sicurezza energetica. Questo è il caso dell'Europa. Accelerare la diffusione della tecnologia verde ridurrà la dipendenza dell'Europa da paesi come la Russia e l'Arabia Saudita e aumenterà il suo peso geopolitico. Ma l'economia europea dipende ancora pesantemente dai combustibili fossili, soprattutto per il riscaldamento, il raffreddamento e il trasporto.

Il trasporto rimane il settore più difficile da decarbonizzare:

Più del 90% dei veicoli nell'UE bruciano combustibili fossili. Tuttavia, lo scandalo "dieselgate", in cui le case automobilistiche hanno cercato di imbrogliare i test ufficiali sulle emissioni, è diventato un serio ostacolo per i motori diesel. La crescente consapevolezza del danno che i gas di scarico diesel fanno ai polmoni umani è probabile che acceleri l'adozione di veicoli elettrici. Meno auto nelle città, assegnando più spazio agli spostamenti a piedi e in bicicletta, e un trasporto pubblico più verde possono cambiare i modelli di mobilità nelle città e innescare un'aria più pulita e una migliore salute.

La transizione energetica è anche una battaglia per la democrazia:

Quando si tratta di far avvenire il cambiamento, un mercato onnipotente non può essere lasciato senza controlli ed equilibri. Per troppo tempo, i cittadini sono stati alla mercé di interessi economici e geopolitici che sono al di là della loro portata. Dare potere alle persone e dare loro il diritto di scegliere è essenziale perché sono i cittadini che pagano il conto. La transizione energetica permette ai clienti di essere più che semplici soggetti passivi incapaci di esercitare un'influenza sulle decisioni. Milioni di individui, cooperative e autorità locali possono giocare un ruolo vitale nella transizione energetica possedendo, o comproprietari, di impianti di generazione di energia rinnovabile; possono essere attivamente coinvolti producendo la propria elettricità e utilizzando contatori intelligenti per ottimizzare il loro consumo di energia. Il movimento pro-clima delle autorità locali europee sta fiorendo. Milioni di cittadini stanno passando alle energie rinnovabili, individualmente o unendosi a cooperative.

La transizione deve andare di pari passo con:

Nuove prospettive economiche per le regioni produttrici di carbone. I bassi prezzi del carbonio nel sistema di scambio delle emissioni dell'UE hanno artificialmente prolungato la vita delle miniere e delle centrali elettriche a carbone e a lignite, aumentando il dolore economico per quelle regioni quando la transizione finalmente avverrà. Invece di ignorare questo, la chiusura progressiva e decisa delle miniere e delle centrali elettriche dovrebbe essere accompagnata da una pianificazione e una gestione efficaci e da una "transizione equa" per i lavoratori sia a livello locale che regionale per evitare una grande crisi sociale.

Le politiche passate dell'UE hanno innescato la transizione energetica in Europa. Le decisioni politiche prese oggi definiranno il quadro per i prossimi decenni. Le scelte giuste determineranno se l'UE può cogliere la doppia opportunità presentata, aiutando a salvare il pianeta dalla catastrofe climatica e rendendolo il leader mondiale nella tecnologia verde.

Per maggiori informazioni consultate l'Atlante energetico europeo 2018.

Claude Turmes è un membro del Parlamento europeo e membro del Partito dei Verdi.

_____________

Articoli correlati

 

Restate sintonizzati! Le migliori idee per l'efficienza energetica e la transizione energetica...