Stoccaggio energetico Sistema motorizzato (MDS) Elettromobilità, mobilità e trasporto pubblico

Storage meno costoso, mercati più grandi, un sacco di EVs... Sei pronto?

16 gennaio 2019 da Jürgen Ritzek
Storage meno costoso, mercati più grandi, un sacco di EVs... Sei pronto?

Davion Hill, pubblicato per la prima volta qui.

Abbiamo parlato molto del calo dei costi dell'immagazzinamento dell'energia, e mi avete sentito dire che le riduzioni dei costi dell'8-15% all'anno sono state la norma storica, almeno negli ultimi dieci anni. Ma vi sarete chiesti, come me, per quanto tempo questo possa durare? Dopo tutto, il costo dei materiali di base è il prezzo minimo, giusto?

Può darsi che il tasso di riduzione dei costi stia rallentando, ma ha ancora molto spazio per continue riduzioni nel prossimo decennio. Ci sono diversi fattori che faranno scendere i costi:

  1. Scala dai mercati dei veicoli elettrici (EV) che guida i costi unitari più bassi
  2. Aumenti della densità energetica all'interno dello stesso fattore di forma attraverso l'ottimizzazione incrementale della produzione

Lostoccaggio stazionario beneficia del più grande mercato EV condividendo non solo le stesse celle della batteria tra le piattaforme, ma anche condividendo gli stessi moduli e pacchetti. Quando i moduli e i pacchi sono condivisi tra le piattaforme, si osservano le maggiori riduzioni di prezzo.

Un'ulteriore riduzione dell'equilibrio dell'impianto - i contenitori, i rack, i PCS e i pezzi aggiuntivi per confezionare un sistema - ridurrà ulteriormente i costi. E poi le riduzioni significative dei costi si ottengono riducendo la produzione di quell'equilibrio dell'impianto al pacchetto più automatizzato, modulare, ripetibile e affidabile possibile.

Quindi torniamo a una delle nostre domande iniziali: qual è il prezzo minimo? Se la riduzione dei costi dell'8-15% continuasse, saremmo a 100 dollari/kWh di costi di sistema entro il 2022. Se le riduzioni dei costi stanno rallentando (ma ancora in diminuzione), è del tutto fattibile immaginare costi di sistema di 200-$250/kWh AC entro il 2022. I costi delle celle saranno quasi sicuramente a $100/kWh per allora, e i costi di sistema a $100/kWh per il 2030. Si potrebbe supporre che il tasso di riduzione dei costi stia rallentando al 6-8% annuo.

NYSERDA ha recentemente pubblicato la suaEnergy Storage Roadmap e ha fatto un'analisi dei costi di break-even di un certo numero di applicazioni, molte delle quali erano tra $500-$1000/kWh installate. Questo significa che oggi, i costi del sistema AC stanno già abilitando quei mercati. L'ultima frontiera della riduzione dei costi che i produttori non possono controllare sono i costi installati. In questo momento il mercato è guidato da appaltatori di ingegneria, approvvigionamento e costruzione (EPC) che forniscono garanzie a sviluppatori e finanziatori con accordi di servizio a lungo termine. In questi accordi ci possono essere garanzie associate a sostituzioni e manutenzione, disponibilità e tempi di attività, e capacità, potenza o efficienza energetica. Quando questi EPC riusciranno a ridurre i loro costi di costruzione a una struttura modulare proprio come i sistemi che stanno installando, vedremo ulteriori diminuzioni del costo installato.

Una volta c'era un valore nell'avere una batteria di lunga durata, perché poteva risultare in un costo inferiore nel corso della vita del sistema a causa della mancanza di sostituzioni o ampliamenti. Questa nozione è stata messa in discussione, dato che gli ioni di litio sono le batterie più economiche sul mercato e il loro costo futuro è ancora più economico. Tuttavia, man mano che i prezzi si abbassano, i costi di manutenzione e di O&M diventano una parte sempre più grande del costo complessivo. Anche l'O&M diventerà più basso o più alto?

La previsione di DNV GL è che rimarrà uguale o aumenterà. Una volta che gli EPC e i produttori si sentiranno a loro agio nel riconoscere le sostituzioni e gli aumenti nei prezzi, e potranno pianificare in modo trasparente questi costi nei loro modelli di vendita e di servizio, gli sviluppatori e le banche li accetteranno come parte del modello e assumeranno che le sostituzioni siano un costo per fare affari.

Ecco dove sta andando. Ci vediamo lì.

_____________

Restate sintonizzati! Le migliori idee per l'efficienza energetica e la transizione energetica...

 

Articoli correlati

 

L'autore

Davion Hill è un esperto in materia di accumulo di energia nello sviluppo di progetti di accumulo di energia, test, due diligence e R&S. Conosciuto per la costruzione di team multi-aziendali e la ricerca di vantaggi reciproci per tutte le parti. Ben collegato, avendo servito nei consigli esecutivi sia di NYBEST che di NAATBatt, ed è stato ex presidente e presidente di NAATBatt. Dimostrato intrapreneur, avendo creato diverse nuove aree di servizio nell'immagazzinamento dell'energia e nei test sui materiali per DNV GL.

 

 


Di Jürgen Ritzek

Ritzek

Juergen Ritzek è co-fondatore e direttore commerciale dell'EEIP. Juergen è responsabile della strategia, del marketing e dello sviluppo commerciale dell'EEIP e guida la crescita dell'EEIP verso una piattaforma di transizione energetica. Juergen guida la comunicazione e le relazioni B2B dell'EEIP e assicura la rilevanza dell'EEIP per le sfide della catena del valore (interaziendale) e per i processi decisionali interni (intraaziendale). Dopo una carriera internazionale in Unilever, ha fondato la rete europea di consulenza GBC (2009) e l'EEIP (2011).