ETS (Sistema per lo scambio delle quote di emissione) Finanza

L'industria siderurgica europea e la necessità di decarbonizzare

19 agosto 2020 da Rod Janssen
L'industria siderurgica europea e la necessità di decarbonizzare

Un recente articolo di Ben Jones sul Financial Times (L'industria siderurgica europea ha bisogno di un piano credibile per diventare verde, 6 agosto 2020) ha discusso i problemi che l'industria siderurgica sta avendo nella riduzione della sua impronta di carbonio. I costi sono stati proibitivi. ArcelorMittal , il più grande produttore di acciaio d'Europa, ha avvertito che la decarbonizzazione delle sue attività sarebbe costata fino a 40 miliardi di euro. Ci sono richieste di sostegno pubblico. Come spiega Jones, il livello delle spese in conto capitale va ben oltre un'industria alle prese con margini ridotti e pesanti debiti. Continua dicendo che "un passaggio alle tecnologie a basse emissioni di carbonio richiederebbe probabilmente oggi un prezzo del carbonio di almeno 100 dollari per tonnellata di C02 per favorire il passaggio alle tecnologie di produzione dell'acciaio a basse emissioni di carbonio".

 

 

 

Jones si chiede se i consumatori chiederanno un acciaio "più verde" e saranno disposti a pagare per questo. A questo punto non esiste un mercato per i prodotti a basso tenore di carbonio e i prodotti a basso tenore di carbonio sono spesso venduti in una catena di produzione o incorporati in prodotti. Tutto questo rende a dir poco complicato.

 

 

 

Qual è il ruolo del governo? I sussidi sono necessari in qualche forma. Jones sottolinea inoltre che la Commissione Europea sta ora pianificando di "livellare le condizioni di gioco" imponendo una tariffa sul carbonio incorporato nell'acciaio importato. Indubbiamente, c'è un delicato atto di bilanciamento per l'interesse sia dei consumatori che dei produttori.

 

 

 

EUROFER, l'associazione che rappresenta l'industria siderurgica europea, è uscita a febbraio con una propria posizione sulla decarbonizzazione e su ciò di cui aveva bisogno dai responsabili politici. Per quanto riguarda il finanziamento ha dichiarato: "I produttori di acciaio dell'UE devono affrontare non solo i costi di conformità dell'EU ETS (25 euro per tonnellata di CO2 nell'ottobre del 2009), ma anche i costi di abbattimento completi. Questi costi possono essere più di dieci volte superiori all'attuale costo di conformità per tonnellata di CO2 abbattuta. I mercati dell'acciaio non tollereranno il rispettivo passaggio dei costi e quindi un quadro giuridico generale deve affrontare entrambe le questioni".

 

 

 

Senza dubbio ci saranno delle scelte difficili, ma non c'è scelta che la decarbonizzazione debba continuare.

 

 

 

Ci sono alcune iniziative che saranno d'aiuto.

 

 

 

Nel marzo 2020 la Commissione ha pubblicato la sua strategia industriale. Ci saranno "misure globali per modernizzare e decarbonizzare le industrie ad alta intensità energetica, sostenere le industrie della mobilità sostenibile e intelligente, promuovere l'efficienza energetica, rafforzare gli attuali strumenti di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio e garantire un approvvigionamento sufficiente e costante di energia a bassa emissione di carbonio a prezzi competitivi". La strategia comprende una strategia dedicata alle piccole e medie imprese (PMI) che mira a ridurre la burocrazia e ad aiutare le numerose PMI europee a fare affari nel mercato unico e oltre, ad accedere ai finanziamenti e ad aiutare a guidare le transizioni digitali e verdi.

 

 

 

Si sta facendo di più per promuovere l'efficienza energetica industriale in Europa. L'Energy Efficiency Financial Institutions Group (EEFIG ) ha recentemente tenuto la sua prima riunione del gruppo di lavoro sull'industria con me come guida del team. Lavorando nei prossimi due anni, questo gruppo di lavoro valuterà le pratiche industriali che si occupano di efficienza energetica, identificherà e valuterà i principali ostacoli e i principali driver per migliorare l'efficienza energetica nell'industria, individuerà le migliori pratiche e fornirà raccomandazioni alla DG ENERGIA su quali strumenti e strumenti politici saranno probabilmente più efficaci per aumentare gli investimenti nell'efficienza energetica nell'industria. Il gruppo di lavoro si occuperà di vari aspetti dell'efficienza energetica nelle industrie ad alta intensità energetica e nelle PMI industriali e nelle industrie non ad alta intensità energetica. È importante sottolineare che questo gruppo darà energia alle parti interessate.

 

 

 

 

 

La Commissione Europea ha anche sostenuto progetti per testare nuove tecnologie e tecniche per migliorare le prestazioni energetiche. RETROFEED è solo un esempio. Esso fornisce un pacchetto interessante. L 'obiettivo principale di RETROFEED è quello di consentire l'utilizzo di una materia prima sempre più variabile, bio-based e circolare nelle industrie di processo attraverso il retrofitting di apparecchiature di base e l'implementazione di un sistema avanzato di monitoraggio e controllo, e di fornire supporto agli operatori dell'impianto attraverso un DSS - Decision Support System - che copre la catena di produzione. Ci saranno investimenti significativi per testare il sistema in diversi sottosettori industriali. È importante sottolineare che due dei sei siti di dimostrazione si trovano nel settore siderurgico.

 

 

 

Per ulteriori informazioni su RETROFEED, si prega di contattare:

 

 

 

- Dr Ana Isabel Gonzalez Espinosa (CIRCE - Coordinatore del progetto RETROFEED)aigonzalez(at)fcirce.es

 

- Dr Diego Redondo Taberner (CIRCE - RETROFEED Project Manager)dredondo(at)fcirce.es

 

- Marianna Santavenere (EEIP - RETROFEED Comunicazione e diffusione)marianna.santavenere(at)ee-ip.org

 

 

 


Di Rod Janssen

Janssen

Rod Janssen è il Presidente dell'Efficienza Energetica nei Processi Industriali (EEIP). Rod è anche membro di vari Steering Group e consigli di amministrazione come l'ICP Europe Steering Group, il SEIF advisory board e il consiglio di amministrazione dell'ECEEE.


Contenuti correlati