Definizione della neutralità del carbonio: Non così semplice come potrebbe sembrare

Come comprendere i termini "decarbonizzazione" e " decarbonizzazione".carbonio neutralità"? Non si tratta di rimuovere il carbonio in sé - è la combinazione di carbonio e ossigeno (biossido di carbonio) che produce conseguenze dannose per il clima globale. Il biossido di carbonio (CO2) si accumula nell'atmosfera attraverso processi naturali e antropogenici. Nell'atmosfera, laCO2 assorbe calore e quindi fa sì che l'atmosfera si riscaldi.

 

 

 

A parte laCO2, ci sono altre sostanze che hanno un effetto simile sull'atmosfera, per cui sono anche considerate come un avanzamento del riscaldamento globale[1], cioè gas serra oCO2 -equivalenti.

 

 

 

La neutralità del carbonio comprende anche queste emissioni? Che cosa significa neutralità del carbonio? Puntiamo alla neutralità delCO2? Per raggiungere gli obiettivi concordati nell'accordo di Parigi sul clima, è sufficiente procedere verso la neutralità delCO2? Oppure è necessario includere gliequivalenti di CO2? L'eliminazione completa dei gas a effetto serra equivale alla neutralità climatica? E qual è l'effettiva differenza tra neutralità climatica e neutralità ambientale?

 

 

 

Inoltre, la "neutralità", definita come neutralità assoluta (nessuna emissione rimanente), o la "neutralità netta" è l'obiettivo, definito come neutralità dopo aver sommato tutti i fattori che contribuiscono positivamente e negativamente (le emissioni rimanenti vengono cancellate attraverso misure di compensazione, ad esempio l'impianto di alberi o l'acquisto di certificati di emissione)?

 

 

 

Concettualizzare questo è essenziale per fissare gli obiettivi climatici e attuare le rispettive politiche. Se non vengono definite in modo appropriato, le idee sbagliate porteranno intrinsecamente ad approcci inefficienti e a controversie durante l'attuazione. A questo proposito, le capacità e le caratteristiche di ogni attore - e soprattutto a livello macroscopico considerazioni sociali, geopolitiche e strategiche degli Stati nazionali - devono essere incluse prima di stabilire termini e raccomandazioni.

 

 

 

Azioni che raggiungano diversi livelli di neutralità:

 

 

 

Neutralità del carbonio

 

  • riduzione delle emissioni diCO2
  • Misure di compensazione dellaCO2

 

 

 

Neutralità del clima

 

  • riduzione e compensazione della CO2e di altri gas serra (GHG[2]) con potenziale di riscaldamento globale (GWP[3][4]):CO2-equivalenti[5]
  • non fluorurati: metano (CH4), protossido di azoto (N2O)
  • fluorurati: idrofluorocarburi (HFC), perfluorocarburi (PFC), esafluoruro di zolfo (SF6), trifluoruro di azoto (NF3)

 

 

 

Neutralità ambientale

 

  • evitare e compensare quanto sopra e qualsiasi altro mezzo che abbia un impatto negativo sull'ambiente e sulla salute (es. pesticidi, ossidi di azoto (NOx), fuliggine, anidride solforosa (SO2), particolato, ecc.)

 

 

Necessità di stabilire chiarezza sulla variabile target

 

Come potranno i responsabili delle decisioni prendere buone decisioni se la questione di decidere o agire su se stessa non è sufficientemente chiara: se ad esempio la neutralità del carbonio è l'obiettivo proclamato, se l'obiettivo previsto neutralizza tutte leemissioni di CO2 o se l'obiettivo si estende anche agliequivalenti di CO2, cambiando l'obiettivo effettivo in neutralità climatica?

 

 

 

La chiarezza sulla variabile target è quindi essenziale per prendere buone decisioni, la presenza o l'assenza di un "eq." diCO2 cambia in modo significativo il campo di applicazione e la strategia corrispondente. La sfida in questo caso in particolare è che di solito - almeno dovrebbe essere così - i decisori ritengono che il contesto sia chiaro. L'univocità richiede quindi che tutti gli stakeholder coinvolti siano consapevoli della(e) definizione(e) chiara(e) della questione discussa, oltre ad avere una chiara comunicazione reciproca.

 

 

 

 

 

Un esempio:

 

La risposta comunemente usata alla domanda "sai cosa intendo" - "sì, lo capisco" emula una percezione comune della questione in questione, mentre in realtà questo significa "credo di sapere cosa intendi" e può danneggiare, ritardare o impedire in modo significativo il raggiungimento dell'obiettivo (effettivamente previsto) fissato, rispettivamente sprecando tempo e risorse.

 

Ciò richiede una comprensione reciproca su obiettivi e definizioni piuttosto che su presupposti ben intenzionati (cioè "facciamo qualcosa di buono per l'ambiente" o in un contesto personale "facciamo qualcosa di bello insieme" -> la probabilità che qualcosa di "buono" o di "bello" sia considerato qualcosa di molto diverso è alta): Quindi, (ordine) chiarimento, dove le parti coinvolte definiscono ogni elemento parte o escluso per il raggiungimento dell'obiettivo è fondamentale.

 

 

 

Nel contesto di questo documento: sono considerati gliequivalenti di CO2(quindi i gas serra con il corrispondente obiettivo di 'neutralità climatica') o no?

 

 

 

A parte la definizione degli obiettivi, la misurazione dei progressi rispetto all'obiettivo fissato deve essere confrontata con le statistiche della stessa definizione in modo coerente e con le stesse modalità. Se non si tratta di un obiettivo assoluto come lo zero netto o se incorpora delle pietre miliari, la definizione delle cifre di base è essenziale (cioè la riduzione dell'x % entro il 2030. Questa spesso si basa sulle cifre del 1990, ma non può essere assunta se non è chiaramente indicata).

 

 

 

Meno importante nel lungo periodo, ma critico durante il periodo iniziale, è se le prime pietre miliari mirano a, cioè, avere strategie derivate o contratti pronti per la gara d'appalto o le strategie approvate e i contratti aggiudicati e firmati. In questo caso solo una chiarezza assoluta permetterà la fattibilità dei programmi e il successo dei progressi.

 

 

 

In pratica, tuttavia, la neutralità climatica e ambientale è spesso confusa, così come la neutralità climatica e il carbonio. Ciò significa che una definizione e una comprensione chiara e reciproca dell'obiettivo (cioè la neutralità del carbonio, del clima o dell'ambiente ), dell'obiettivo perseguito e del relativo calendario, sono vitali per il raggiungimento di obiettivi climatici significativi e duraturi.

 

 

 

Per saperne di più: Inquadrare l'ambizione della neutralità del carbonio

 

 

 

Nota finale:

 

[1] che a sua volta porta ad una reazione a catena che porta ad un cambiamento del clima e quindi del complesso ecosistema stesso

 

[2]https://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php?title=Glossary:Greenhouse_gas_(GHG)

 

[3]https://unfccc.int/process/transparency-and-reporting/greenhouse-gas-data/greenhouse-gas-data-unfccc/global-warming-potentials

 

[4]https://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php?title=Glossary:Global-warming_potential_(GWP)

 

[5]https://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php/Glossary:Carbon_dioxide_equivalent

 


Di Stefan M. Buettner

Buettner

Stefan M. Buettner è direttore di Global Strategy & Impact presso l'EEP - Istituto per l'efficienza energetica nella produzione e presidente della task force dell'UNECE sull'efficienza energetica industriale.


Contenuti correlati