Gestione dei rifiuti e delle acque reflue Finanza

Sistema a rifiuti zero: Ricostruire il capitale per un'economia circolare

18 marzo 2020
Sistema a rifiuti zero: Ricostruire il capitale per un'economia circolare

I progetti innovativi a zero rifiuti nel settore pubblico e privato forniscono un'importante opportunità per costruire economie circolari locali, evitando allo stesso tempo gravi danni ambientali dall'inquinamento della plastica e dallo smaltimento dei rifiuti. Il numero di progetti di città a rifiuti zero sta crescendo in Asia, e questi progetti richiedono l'accesso a finanziamenti flessibili e su piccola scala con interessi bassi o nulli. Eppure il capitale di sviluppo tradizionale per i sistemi di rifiuti è spesso disallineato con questi approcci efficaci a rifiuti zero. Per avere un maggiore impatto sociale e ambientale, i donatori e i finanziatori dovranno adattarsi alle esigenze delle città e degli altri che sviluppano soluzioni di economia circolare.

 

L'INCENERIMENTO NON È UNA FINANZA SOSTENIBILE, DANNEGGIA L'ECONOMIA CIRCOLARE

 

La gestione dei rifiuti è un problema serio nei paesi in via di sviluppo, e il settore è ampiamente sottofinanziato, con conseguenti problemi sociali e ambientali. Mentre i finanziatori e i donatori hanno dato la priorità alle infrastrutture ad alta intensità di capitale come gli inceneritori per soddisfare le esigenze di smaltimento dei rifiuti, la marea sta cambiando. L'incenerimento è il sistema di trattamento dei rifiuti più costoso per la costruzione, la manutenzione e le operazioni, rispetto al compostaggio, al riciclaggio e anche alla messa in discarica. Questi costi elevati hanno reso gli inceneritori attraenti per gli investitori e le banche nel corso degli anni, ma le agenzie di sviluppo come la Banca Mondiale e la tedesca GIZ stanno sempre più riconoscendo le conseguenze dell'incenerimento, che si recuperi o meno energia.

 

Le conseguenze finanziarie per i governi vanno al di là dei costi diretti dei pagamenti del debito, delle spese operative e delle riparazioni estese delle attrezzature. Gli inceneritori tipicamente richiedono ai governi di bloccare la produzione di rifiuti con contratti che impegnano a fornire quantità fisse di rifiuti per il periodo contrattuale o a pagare tasse sostanziali. Questi contratti "metti o paga" sono costati alle città milioni di dollari negli Stati Uniti e in molti paesi europei. L'incentivo perverso di tali contratti crea un effetto lock-in che mina i futuri programmi di riduzione, riciclaggio e compostaggio, lasciando i governi con infrastrutture poco flessibili e la minaccia di spese impreviste. Inoltre, il costo dello smaltimento delle ceneri è spesso trascurato quando si considera l'incenerimento, ma le ceneri sono un flusso di rifiuti inevitabile dall'incenerimento che grava sui governi con nuovi costi di gestione dei rifiuti pericolosi.

 

I finanziamenti all'interno dell'Unione europea stanno subendo cambiamenti ancora più drammatici. Nel gennaio 2019, la Banca europea per gli investimenti (BEI) ha pubblicato la sua Guida all'economia circolare, che esclude l'incenerimento come contributo ad un'economia circolare. Più tardi nello stesso anno, la BEI ha tirato il finanziamento da un controverso progetto di inceneritore a Belgrado, in Serbia, perché il progetto avrebbe impedito al paese di raggiungere gli obiettivi di riciclaggio e di economia circolare. Anche i criteri di "finanza sostenibile" dell'UE per il settore privato sono in procinto di escludere l'incenerimento dei rifiuti, a causa delle preoccupazioni per l'inquinamento climatico e il danno che gli inceneritori fanno all'economia circolare, alla prevenzione dei rifiuti e al riciclaggio. Seguendo la politica dell'UE che dà la priorità alla prevenzione dei rifiuti e all'economia circolare rispetto allo smaltimento dei rifiuti, un importante cambiamento è in corso allo sviluppo del Fondo di coesione dell'UE in Europa: il Fondo aveva precedentemente speso metà dei suoi fondi per la gestione dei rifiuti per gli inceneritori, e nel 2019 è stato incaricato di eliminare in gran parte il finanziamento degli inceneritori.

 

Al di là dei costi, gli inceneritori sono particolarmente inappropriati nei paesi in via di sviluppo per molteplici ragioni. La produzione di rifiuti pro capite è bassa, e la composizione dei rifiuti è per lo più costituita da materiali organici umidi: piuttosto che generare elettricità, l'alto contenuto di umidità e le basse quantità di carta e plastica fanno sì che ai rifiuti vengano aggiunti diesel o carbone per farli bruciare, aumentando l'inquinamento, le emissioni climatiche e i costi. Inoltre, i paesi in via di sviluppo spesso non hanno le risorse tecniche e le infrastrutture necessarie per monitorare efficacemente e ritenere responsabili gli operatori di queste infrastrutture sensibili dal punto di vista ambientale e sociale. Molti paesi in via di sviluppo mancano anche dell'infrastruttura per i rifiuti e del quadro politico associato per guidare i risultati più in alto nella gerarchia dei rifiuti, come la riduzione dei rifiuti e il compostaggio. I fallimenti del termovalorizzatore di Okhla a Nuova Delhi, in India, illustrano le sfide che l'incenerimento deve affrontare. Varianti dell'incenerimento come la gassificazione e la pirolisi dei rifiuti hanno anche dei precedenti finanziari preoccupanti che sarebbe irresponsabile imporre nei paesi in via di sviluppo, con almeno 2 miliardi di dollari di progetti falliti in Europa, Stati Uniti e Australia.

 

TRASFORMAZIONI INNOVATIVE ED EFFICACI DEL SISTEMA DEI RIFIUTI A CAPITALE SOCIALE

 

C'è una soluzione importante che affronta le sfide della gestione dei rifiuti, riduce il danno ambientale e ha un track record. La regione Asia-Pacifico sta vedendo una nuova ondata di progetti decentralizzati su scala cittadina a rifiuti zero, che stanno costruendo economie circolari su scala locale, richiedono molto meno capitale e creano molteplici impatti sociali. Questi progetti incentrati sulla comunità si stanno espandendo in diversi paesi in collaborazione con i governi locali, stabilendo la raccolta porta a porta di materiali separati alla fonte da parte dei governi o contratti con cooperative di raccolta dei rifiuti. Combinati con chiari programmi educativi e input della comunità per costruire la proprietà del programma, questi progetti riducono notevolmente le tonnellate di rifiuti smaltiti.

 

Tacloban, nelle Filippine, che è stata devastata dal tifone Haiyan solo sei anni fa, ora possiede uno dei sistemi a rifiuti zero più avanzati della regione grazie alla partnership pubblico-nonprofit e ai finanziamenti del Dipartimento di Stato americano e del Plastic Solutions Fund. Lo sviluppo del programma di Tacloban fornisce una tabella di marcia per le molte città del mondo che hanno una raccolta dei rifiuti inefficace o incompleta. Prima della partnership a rifiuti zero tra il governo della città e la ONG Mother Earth Foundation, solo il 30% della città riceveva una regolare raccolta dei rifiuti, il che significa che i residenti ricorrevano a bruciare e scaricare all'aperto almeno il 70% dei rifiuti della città. Espandendo la raccolta dei rifiuti, Tacloban ha simultaneamente ridotto i rifiuti destinati alla discarica del 45% in un solo anno. Questo è stato possibile perché la Mother Earth Foundation ha addestrato la città e i residenti a raccogliere i rifiuti con una separazione efficace per il riciclaggio e il compostaggio. Poiché la città manda meno tonnellate di rifiuti in discarica, risparmia oltre 400.000 dollari all'anno.

 

I programmi Zero Waste City stanno dimostrando di essere duraturi. Dal 2013, la città di San Fernando a Pampanga, nelle Filippine, ha costantemente deviato almeno il 50% dei rifiuti. Guidati da obiettivi di miglioramento continuo, oltre l'80% dei materiali raccolti ora va al compostaggio e al riciclaggio. San Fernando è a breve distanza da Metro Manila, dove il programma di rifiuti zero della città di Malabon rende la città più pulita e sicura, e il governo locale impiega 65 persone per la raccolta quotidiana dei rifiuti. In precedenza i lavoratori informali dei rifiuti venivano assunti come spazzini autorizzati o personale di controllo per la raccolta giornaliera dei rifiuti. Questo sistema ha aumentato il reddito dei lavoratori per persone il cui reddito precedente soddisfaceva a malapena i loro bisogni quotidiani.

 

Oltre alle Filippine, i programmi Zero Waste City sono in sviluppo in Indonesia, Malesia, Vietnam, Cina, India e altri paesi dell'Asia. Le città scelgono questo percorso per molte ragioni, tra cui la riduzione del costo dello smaltimento dei rifiuti, l'aumento della copertura, la riduzione dell'inquinamento, la generazione di occupazione e la costruzione dell'orgoglio della comunità. I donatori e i finanziatori dovrebbero essere interessati per le stesse ragioni, e perché programmi come questo hanno senso dal punto di vista sociale e finanziario. I residenti ricevono un buon servizio con un'alta affidabilità e le città beneficiano di costi ragionevoli e prevedibili, i programmi creano un alto numero di posti di lavoro rispetto ai siti di smaltimento dei rifiuti come inceneritori e discariche, e ai danni dell'inquinamento da plastica e di altri rifiuti. I sistemi regionali possono costruire portafogli resilienti di infrastrutture e servizi che possono essere adattati, ampliati, aggiornati. In molti casi, questi programmi sono intenzionalmente costruiti nel settore pubblico per costruire il programma nel tessuto sociale della comunità, e per mantenere il controllo diretto sulla gestione del progetto e sui risultati.

 

I donatori e i finanziatori riconoscono sempre più la necessità di opzioni che riducano al minimo lo smaltimento dei rifiuti. I benefici finanziari delle operazioni a basso costo sono stati riconosciuti dalla Banca Mondiale in diversi rapporti, tra cui " Sustainable Financing and Policy for Composting". Questo estratto riassume l'attrattiva dei costi del compostaggio, una componente chiave di qualsiasi sistema a rifiuti zero: "Dal momento che i materiali e la manodopera nei paesi a basso reddito tendono ad essere relativamente poco costosi, il compostaggio a bassa tecnologia è attraente come tecnica di gestione dei rifiuti economicamente vantaggiosa rispetto allo smaltimento in discarica, alla digestione anaerobica o all'incenerimento, tra gli altri". Lo stesso rapporto nota che "I meccanismi di finanziamento [per le operazioni di compostaggio] variano, e un tipico progetto di compostaggio è finanziato attraverso una combinazione di due o quattro fonti".

 

UN APPELLO A DONATORI E FINANZIATORI A RIPENSARE IL FINANZIAMENTO DELL'ECONOMIA CIRCOLARE PER LE CITTÀ

 

La lotta che le città affrontano per pagare i costi di transizione a breve termine ai sistemi Zero Waste City sarebbe superabile se i donatori e i finanziatori ripensassero gli approcci all'economia circolare, in particolare nei paesi in via di sviluppo. In alcuni casi, le città che già pagano per lo smaltimento dei rifiuti possono aver bisogno di una quantità relativamente piccola di fondi per costruire infrastrutture a basso costo e iniziare i programmi; entro un breve periodo, il risparmio a lungo termine dello smaltimento dei rifiuti copre più che bene i costi del programma in corso a lungo termine. In altri casi, le città hanno bisogno di maggiori livelli di sostegno finanziario per costruire sistemi completamente nuovi e la sostenibilità a lungo termine.

 

Le città e gli implementatori di progetti a rifiuti zero, come le ONG di assistenza tecnica, hanno bisogno di fondi per le attrezzature di raccolta, le infrastrutture per le operazioni di compostaggio, lo smistamento e il trasferimento dei materiali per il riciclaggio, e per l'educazione iniziale, i programmi di sensibilizzazione e lo sviluppo delle capacità della città. I costi complessivi di un programma a rifiuti zero sono molto più bassi rispetto agli approcci di gestione integrata dei rifiuti solidi "cookie cutter" che storicamente danno troppa importanza allo smaltimento dei rifiuti. Inoltre, i sistemi a rifiuti zero permettono alle città di adattare gli approcci nel tempo, come il miglioramento delle infrastrutture per il trattamento degli organici. A livello cittadino o regionale, si adattano bene a un portafoglio diversificato di infrastrutture organiche e di riciclaggio meno centralizzate, così come a nuovi sistemi privati o pubblici di ricarica e riutilizzo, rendendo i progetti più resilienti e adattabili.

 

C'è un chiaro bisogno di soluzioni creative e all'avanguardia per finanziare soluzioni a basso costo con un impatto su larga scala. Rifiuti zero ha molti vantaggi rispetto ad altri progetti incentrati sullo smaltimento dei rifiuti, dalla prevenzione dell'inquinamento e la resilienza climatica al raggiungimento di molteplici benefici di impatto sociale (creazione di posti di lavoro, dignità dei lavoratori, orgoglio della comunità, salute e sicurezza). L'assistenza ufficiale allo sviluppo e altri meccanismi di finanziamento dovranno adattarsi per sostenere questi progetti, perché è improbabile che il settore privato faccia soldi con progetti a rifiuti zero, i costi dei progetti sono spesso più piccoli dei tipici finanziamenti allo sviluppo su larga scala, e questi progetti funzionano meglio quando sono implementati a livello comunale o sub-nazionale.

 

Nello sviluppo di nuovi approcci, le istituzioni possono considerare che le dimensioni dei progetti nelle città più grandi e nelle megalopoli potrebbero essere dell'ordine di milioni di dollari, così come i progetti multipli aggregati in uno più grande. Le istituzioni dovrebbero considerare la possibilità di reindirizzare i fondi attraverso banche commerciali e di sviluppo che hanno portafogli per le unità governative locali, come la Development Bank of the Philippines e la Philippines Land Bank, che hanno fondi destinati alla gestione dei rifiuti. Le istituzioni finanziarie possono anche fornire sostegno alle imprese sociali emergenti (SE) che sostengono i rifiuti zero, come le industrie di riciclaggio, le cooperative di raccolta dei rifiuti, e anche le piccole imprese che hanno sistemi di consegna alternativi in atto: due di queste istituzioni di sovvenzione nelle Filippine danno esclusivamente alle SE.

 

GAIA, le nostre organizzazioni partner in tutto il mondo e le città con cui lavorano sono alle prese con la disgiunzione dei finanziamenti disponibili per i programmi di gestione dei rifiuti più efficaci del mondo. Speriamo che le istituzioni siano partner nello sviluppo di meccanismi non estrattivi per portare sistemi a rifiuti zero in più città.

 

 

 

Autori: Monica Wilson, Edel Garingan e Mariel Vilella

 

Credito immagine: VanveenJF

 

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato su Circular Economy Symposium at Harvard.

 


Contenuti correlati