L'audit energetico nelle PMI potrebbe sbloccare un grande potenziale di efficienza energetica in Europa: un focus sul modello italiano.

30 March 2017 da Silvia Zinetti
L'audit energetico nelle PMI potrebbe sbloccare un grande potenziale di efficienza energetica in Europa: un focus sul modello italiano.

Gli audit energetici giocano un ruolo essenziale nel raggiungimento del risparmio energetico a livello europeo. Sono uno strumento efficace per fornire le informazioni necessarie sul consumo energetico esistente e sulle opportunità di risparmio energetico. In Italia le grandi imprese sono circa 3 500, mentre le PMI sono circa 4,3 milioni. Il totale delle imprese ad alta intensità energetica ammonta a 2 772[i] nel 2014, e a 2 929 nel 2015. Queste imprese hanno uno sgravio fiscale sul costo energetico delle bollette elettriche. Dal 20 luglio 2016, le diagnosi energetiche possono essere effettuate solo da enti o esperti qualificati certificati da organismi accreditati

ESCO ai sensi della UNI CEI 11 11. In Italia sono presenti le maggiori imprese industriali e di servizi, con 2.772 [i] secondo l'ISTAT, e 2.929 dell'Istituto nazionale italiano di audit di alta qualità. dal 20 luglio 2016 la Commissione europea (ESCOs.


Contenuti correlati   #risparmio energetico  #costo dell'energia  #efficienza energetica 


Gli audit energetici giocano un ruolo essenziale nel raggiungimento del risparmio energetico a livello europeo. Sono uno strumento efficace per fornire le informazioni necessarie sul consumo energetico esistente e sulle opportunità di risparmio energetico.

Lo strumento "audit energetico", introdotto per la prima volta dall'American Society of Heating, Refrigerating and Air Conditioning Engineers (ASHRAE) in seguito alla crisi petrolifera del 1973, è diventato popolare in Europa dai primi anni '90. Era presente nell'articolo 7 della direttiva del Consiglio 93/76/CEE, nell'articolo 12 della direttiva 2006/32/CE, e nell'articolo 8 dell'attuale direttiva 2012/27/UE, conosciuta anche come direttiva sull'efficienza energetica (EED).

L'articolo 2 (25) della EED definisce "audit energetico" come segue:

"Per audit energetico si intende una procedura sistematica con lo scopo di ottenere un'adeguata conoscenza del profilo di consumo energetico esistente di un edificio o di un gruppo di edifici, di un'operazione o di un impianto industriale o commerciale o di un servizio privato o pubblico, di identificare e quantificare le opportunità di risparmio energetico efficienti in termini di costi, e di riferirne i risultati;"

La direttiva EED rafforza gli obblighi di audit energetico per gli Stati membri. In particolare, l'articolo 8(4) della direttiva rende gli audit energetici obbligatori per le grandi imprese. Tuttavia, la direttiva non richiede alle grandi imprese di attuare effettivamente le raccomandazioni dell'audit. Inoltre, mentre l'articolo 8(2) pone una forte enfasi sulle piccole e medie imprese (PMI) e consiglia "agliStati membri di sviluppare programmi per incoraggiare le PMI a sottoporsi a audit energetici e alla successiva attuazione delle raccomandazioni da questi audit", non stabilisce alcun requisito obbligatorio di audit energetico per le PMI.

In seguito all'attuazione della direttiva EED, stiamo scoprendo le migliori pratiche stabilite da alcuni Stati membri che vanno oltre le disposizioni EED e potrebbero essere un esempio per il resto d'Europa. Secondo un recente studio sull'efficienza energetica nelle imprese condotto dalla Commissione europea[i], paesi come l'Italia, il Portogallo, il Belgio (Fiandre) e la Romania, hanno requisiti obbligatori per l'attuazione delle misure individuate nell'audit energetico, anche se applicabili solo alle imprese ad alta intensità energetica. Poiché la definizione di PMI nell'articolo 2(26) della EED non fa riferimento all'intensità energetica o al consumo di energia, anche un'azienda che consuma energia può essere una PMI.

Questo post si concentra sul modello sviluppato in Italia, che include due livelli di innovazione: - ·

  1. Le PMI devono sottoporsi a audit energetici se le aziende che consumano energia;
  2. L'implementazione obbligatoria delle misure identificate da parte delle aziende che consumano energia.

Il modello italiano

In Italia l'EED è stato ratificato con il Decreto Legislativo n.102 del 04/07/2014 (D.Lgs. 102/2014), che obbliga le grandi imprese e le aziende che consumano energia ad eseguire un audit energetico entro il 5 dicembre 2015, e almeno ogni quattro anni. Le aziende certificate con ISO 50001, EN ISO 14001 e EMAS sono esenti da questo obbligo se il sistema include un audit energetico in conformità con l'allegato II del decreto legislativo.

Il decreto stabilisce inoltre che le imprese che consumano energia, non solo devono sottoporsi all'audit energetico, ma devono anche attuare le misure di efficienza individuate in tempi ragionevoli, o in alternativa, adottare un sistema di gestione conforme alle norme ISO 50001.

Definizioni

Un'organizzazione si qualifica come grande impresa se impiega più di 250 persone, con un fatturato annuo superiore a 50 milioni di euro o un bilancio annuo superiore a 43 milioni di euro.

Un'azienda che consuma energia si qualifica se:

  • Usa più di 2,4 GWh di energia elettrica o energia diversa dall'elettricità;
  • Il rapporto tra il costo dell'energia e il fatturato è maggiore o uguale al 3%.

Numero di imprese obbligate a sottoporsi a audit energetici

Secondo il rapporto "Struttura e competitività delle imprese" dell'Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT), in Italia le grandi imprese sono circa 3.500, mentre le PMI presenti sul territorio sono circa 4,3 milioni. La figura seguente, illustra i principali indicatori per le imprese industriali e di servizi in Italia.

 

Figura 1 Principali indicatori per le imprese individuali e di servizi in Italia (2011) (Fonte: EEAP)

 

Includendo le imprese ad alta intensità energetica, il decreto legislativo estende l'obbligo alle imprese indipendentemente dalle dimensioni. Il totale delle imprese ad alta intensità energetica ammonta a 2 772[i] al 2014, e a 2 929 al 2015. Queste imprese hanno uno sgravio fiscale sul costo energetico della bolletta elettrica.

Garanzia di audit di alta qualità

Dal 20 luglio 2016 gli audit energetici possono essere effettuati solo da enti o esperti qualificati certificati da organismi accreditati (ESCO secondo la UNI CEI 11352, EGE secondo la UNI CEI 11339, Energy auditor secondo la UNI 16247 - 5)[ii].

Sanzioni

Le imprese obbligate che non consegnano l'audit energetico entro i termini previsti possono essere soggette ad una sanzione amministrativa fino a 40.000 euro. Inoltre, se l'audit non è conforme ai requisiti dell'audit previsti dal decreto, può essere applicata una sanzione amministrativa fino a 20.000 euro. La sanzione non libera l'impresa dall'audit energetico, che deve essere presentato all'ENEA entro sei mesi dall'imposizione della sanzione.

Il ruolo dell'ENEA per garantire l'efficacia delle disposizioni

ENEA è l'acronimo dell'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile. L'agenzia gestisce una banca dati delle imprese obbligate a sottoporsi a audit energetici, effettua controlli per garantire il rispetto degli obblighi di audit attraverso una selezione casuale annuale delle imprese soggette all'obbligo (almeno il 3%). Le attività di controllo comprendono anche ispezioni in "situ". A partire da giugno 2016, l'ENEA redige un rapporto annuale riassuntivo delle attività di audit e dei risultati.

Risultati

Secondo l'ENEA, sono stati consegnati i seguenti risultati ai sensi dell'articolo 8 del decreto legislativo 102/2014 e sono riassunti come segue:

  1. 14 342 audit di 7 516 aziende sono stati inviati entro dicembre 2015, salendo a 8 461 con 15 685 audit a fine giugno 2016.[iii]
  2. Nel 2015, circa il 63% degli audit energetici sono stati fatti da grandi imprese, mentre circa il 37% da imprese ad alta intensità energetica.
  3. Il 95% delle imprese ad alta intensità energetica ha rispettato i requisiti legali dell'audit energetico. - ·
  4. La maggior parte degli audit energetici nel 2015 è stata fatta dal settore manifatturiero (circa il 47%), seguito dal commercio all'ingrosso e al dettaglio (16,3%).
  5. Al 2015, le imprese certificate secondo le norme ISO 50001 erano 450, e le imprese con un energy manager e allo stesso tempo certificate ISO 50001 erano 115 (51 nel settore industriale, 32 nel settore dell'energia e dei servizi di rete).
  6. Circa 700 sanzioni alle imprese inadempienti sono state imposte dopo le attività di controllo effettuate dal Ministero dello Sviluppo Economico (125 o circa il 20% sulle imprese ad alta intensità energetica).

La figura successiva mostra gli audit energetici consegnati ai sensi dell'articolo 8 del decreto legislativo 102/2014 entro il 5 dicembre 2015 per diverso settore.

Figura 2 Audit energetici svolti ai sensi dell'articolo 8 D.Lgs. 102/2014 (Fonte: ENEA)

 

Il focus sulle PMI e la leadership regionale

L'Italia si è concentrata sul risparmio energetico nel settore industriale e nelle PMI fin dagli anni '90. In particolare, i fondi europei sono stati utilizzati per realizzare una campagna di audit energetici nell'Italia centrale e meridionale negli anni 1989-1991, coprendo più di 500 PMI di diversi settori e individuando misure di risparmio energetico per circa 260 ktep.

Il decreto del 12 maggio 2015, come previsto dall'articolo 8, comma 9, del decreto legislativo 102/2014, ha stanziato 15 milioni di euro all'anno fino al 2020, per cofinanziare programmi regionali finalizzati alla realizzazione di audit energetici per le PMI, o all'adozione da parte delle PMI di un sistema di gestione dell'energia conforme alle norme ISO 50001. I beneficiari dell'incentivo devono realizzare le misure di efficienza energetica identificate o ottenere la certificazione ISO 50001. Il Piano d'azione italiano per l'efficienza energetica (PAEE) del 2014 stima che nel caso in cui il 50% dei costi sostenuti dalle Regioni sia cofinanziato per concedere un sussidio pari al 50% delle spese sostenute dalle PMI per effettuare l'audit energetico, circa 15 000 imprese all'anno potrebbero essere coperte dall'iniziativa .

La regione Lombardia nel Nord Italia ha realizzato un programma innovativo, denominato TREND (Tecnologia e Innovazione per il Risparmio Energetico e l'Efficienza Energetica Diffusa)[i], volto a promuovere e fornire audit energetici di alta qualità e misure associate di efficienza energetica alle PMI del settore manifatturiero della regione. Lo schema seguente riassume le fasi del programma TREND.

Figura 3 Programma TREND nella regione Lombardia

Secondo il piano d'azione italiano per l'efficienza energetica del 2014, 500 PMI hanno ricevuto audit energetici e sono stati pianificati 150 progetti di efficienza energetica (90 completati). Il programma, tuttora in corso, ha prodotto azioni di efficienza energetica per un importo di 8,5 milioni di euro e ha portato a un risparmio energetico per circa 4 000 toe.

 

Punti di riflessione

  • Le PMI sono il cuore dell'economia europea e rappresentano il 99% di tutte le imprese dell'UE[ii].
  • Con la proposta del pacchetto "Inverno" sull'energia pulita della Commissione europea per un obiettivo di efficienza energetica del 30% e gli obiettivi climatici, gli audit energetici rivolti alle PMI potrebbero sbloccare un incredibile potenziale di risparmio energetico in Europa. Purtroppo, l'articolo sugli audit energetici non è stato aperto e non sarà rivisto.
  • Il modello italiano, come discusso sopra, potrebbe essere il terreno per la replica in altri Stati membri.
  • L'attuazione delle misure derivate dall'audit energetico potrebbe essere resa obbligatoria per le grandi imprese (cioè in base alla priorità, all'efficienza dei costi, ecc.)

 

Per ulteriori informazioni sugli audit energetici e la legislazione europea sull'efficienza energetica, controllare i post di RodL'efficienza energetica al punto di svolta?Cosa significa il "Winter Package" dell'UE per l'industria

Per ulteriori informazioni su ciò che sta accadendo in altri paesi, controllareTurchia: Strategia di efficienza energetica industriale

Fonti [1] Uno studio sull'efficienza energetica nelle imprese: Audit energetici e sistemi di gestione dell'energia. EC 2006 https://ec.europa.eu/energy/sites/ener/files/documents/EED-Art8-Energy%20audits%20recommendations-Task%205-report%20FINAL.pdf [2] Elenco delle imprese ad alta intensità energetica della Cassa Conguaglio http://energivori.ccse.cc/ [3] Prima del 20 luglio 2016, l'audit energetico poteva essere effettuato da società di servizi energetici (ESCO), esperti in gestione dell'energia (EGE) o auditor energetici, senza alcuna certificazione. [4] http://www.enea.it/en/news/energy-italy-at-the-top-in-europe-with-15-thousand-energy-diagnoses-of-enterprises [5] http://trend.finlombarda.it/home [6] http://ec.europa.eu/growth/smes/business-friendly-environment/sme-definition_en